L’astronomia è la scienza che si occupa dell’osservazione e della spiegazione degli eventi celesti. Studia le origini e l’evoluzione, le proprietà fisiche, chimiche e temporali degli oggetti che formano l’universo e che possono essere osservati sulla sfera celeste.
una delle scienze più antiche e molte civiltà arcaiche in tutto il mondo hanno studiato in modo più o meno sistematico il cielo e gli eventi astronomici: egizi e greci nell’area mediterranea, babilonesi, indiani e cinesi nell’oriente, fino ai maya e agli incas nelle Americhe. Questi antichi studi astronomici erano orientati verso lo studio delle posizioni degli astri (astrometria), la periodicità degli eventi e la cosmologia e quindi, in particolare per questo ultimo aspetto, l’astronomia antica è quasi sempre fortemente collegata con aspetti religiosi. Oggi, invece, la ricerca astronomica moderna è praticamente sinonimo di astrofisica.
L’astronomia non va confusa con l’astrologia, una pseudoscienza che sostiene che i moti apparenti del Sole e dei pianeti nello zodiaco influenzino in qualche modo gli eventi umani, personali e collettivi. Anche se le due discipline hanno un’origine comune, esse sono totalmente differenti: gli astronomi hanno abbracciato il metodo scientifico sin dai tempi di Galileo, a differenza degli astrologi.
L’astronomia è una delle poche scienze in cui il lavoro di ricerca del dilettante e dell’amatore (l’astrofilo) può giocare un ruolo rilevante, fornendo dati sulle stelle variabili o scoprendo comete, novae, supernovae, asteroidi o altri oggetti.

Fino a oggi la maggior parte degli scienziati è stata troppo occupata nello sviluppo di nuove teorie che descrivono che cosa sia l'universo per porsi la domanda perché?
Stephen Hawking

Editoriale

Un motore che sfrutta un buco nero …

Un motore che sfrutta un buco nero può realmente funzionare? Un processo teorico, vecchio di 50 anni, che vorrebbe sfruttare l’energia di rotazione di un buco nero, è stato confermato sperimentalmente. Utilizzando dei componenti simili a quelli necessari, i fisici hanno dimostrato la ragionevolezza del meccanismo di Penrose. Non è sempre così, spesso tanti lavori teorici rimangono in un cassetto o su un vecchio numero di una rivista scientifica. A volte però possono essere utilizzati per creare nuove tecnologie, o come in questo caso, a sfruttare le proprietà degli oggetti più estremi dell’Universo. I buchi neri sono il risultato della […]

Gli scienziati trovano la chiave per risolvere il mistero …

Gli scienziati trovano la chiave per risolvere il mistero (antichissimo) dell’antimateria Gli esperimenti del team sono iniziati con un campione di torio-232, che ha un’emivita di 14 miliardi di anni, il che significa che si decompone molto lentamente Perché c’è più materia dell’antimateria nell’Universo? Un team di fisici ha scoperto un elemento che potrebbe essere la chiave per svelare questo antico mistero. Un team di ricercatori dell’Università della Scozia occidentale e dell’Università di Strathclyde hanno scoperto che uno degli isotopi dell’elemento torio ha un nucleo a forma di pera, molto più di quanto si pensasse in precedenza. Nuclei simili al […]

L’abisso oltre l’universo

L’abisso oltre l’universo Nelle vastità più profonde dell’universo osservabile, intere galassie, tutte le stelle, i pianeti e le specie aliene che possono contenere, stanno scomparendo. Non evaporano, semplicemente scompaiono oltre l’orizzonte dell’universo osservabile entrando in una distesa nota come “universo inosservabile”. Cos’è “l’universo osservabile”? Per capire questa regione del cosmo è necessario capire due delle scoperte scientifiche più sorprendenti mai fatte. Per millenni il genere umano si è posto molte domande sull’età e sulle dimensioni dell’universo, è infinito o ha un limite? Esiste dall’eternità o ha avuto origine in qualche punto del passato? Nel 1687, Isaac Newton gettò le basi […]

Fenomeni inspiegabili continuano a suggerire …

Fenomeni inspiegabili continuano a suggerire che l’universo non è come pensavamo Due team di fisici hanno pubblicato osservazioni completamente diverse sulle anomalie nell’universo che suggeriscono potenziali variazioni delle leggi e delle forze fondamentali. Le leggi fisiche che regolano l’universo dovrebbero essere ben definite ed immutabili, almeno secondo quella che attualmente la teoria più accettata, ovvero il Modello Cosmologico Standard. Gli scienziati operano supponendo che ci siano leggi universali della fisica che influenzano la materia allo stesso modo ovunque, dal nostro vicinato solare alle galassie a miliardi di anni luce di distanza. In altre parole, mentre ci sono ovviamente variazioni nella […]

Nasa, la spettacolare “Montagna Mistica” …

Nasa, la spettacolare “Montagna Mistica” nella foto astronomica del giorno suggestivo scatto, ottenuto grazie alle osservazioni del telescopio spaziale Hubble, ritrae questa affascinante area presente all’interno della Nebulosa della Carena, teatro di formazione stellare che fra milioni di anni potrebbe però scomparire La Nebulosa della Carena è la più grande ed estesa nebulosa visibile ad occhio nudo presente sulla volta celeste. Possiede un diametro di ben 260 anni luce e al suo interno è stata osservata una particolare area, costituita da colonne di gas formate da idrogeno freddo e polveri, in cui ha luogo la formazione stellare. Si chiama “Montagna […]

Scoperta shock: un universo parallelo dove il tempo …

Scoperta shock: un universo parallelo dove il tempo scorre al contrario. Ecco le prove dall’Antartico La ricerca arriva dalla super antenna Anita che studia i neutrini e ipotizza un Big Bang alternativo Un universo parallelo dove il tempo scorre al contrario. Una scoperta sconvolgente dalle enormi implicazioni fisiche e filosofiche. A farla è stata la Nasa, ma c’è già chi ridimensiona la portata di tale scoperta, precisando che le cose non stanno esattamente così. Vediamo cosa è successo. Un gruppo di ricerca sponsorizzato dalla Nasa ha utilizzato una potente Antenna di nome Anita (Antenna transiente ad impulsi dell’Antartico) per scovare […]

Disco rotante massiccio nell’universo primordiale …

Disco rotante massiccio nell’universo primordiale scoperto dal più grande radiotelescopio del mondo Nel nostro universo di 13,8 miliardi di anni, la maggior parte delle galassie come la nostra Via Lattea si forma gradualmente, raggiungendo la loro grande massa relativamente tardi. Ma una nuova scoperta fatta con l’ Atacama Large Millimeter / submillimeter Array ( ALMA ) di un’enorme galassia a disco rotante, vista quando l’universo era solo il dieci percento della sua era attuale, sfida i tradizionali modelli di formazione della galassia. Questa ricerca appare il 20 maggio 2020 sulla rivista Nature . Galaxy DLA0817g, soprannominato il disco di Wolfe […]

Strani oggetti nel cuore della Via Lattea

Strani oggetti nel cuore della Via Lattea Bolle di gas che sembrano stelle intorno al buco nero Sagittarius A* Strani oggetti cosmici orbitano intorno al gigantesco buco nero che si trova al centro della Via Lattea, Sagittarius A*. Sono bolle di gas e polvere che si comportano come stelle e sono descritti sulla rivista Nature nello studio coordinato dall’astrofisica italiana Anna Ciurlo, dell’Università della California a Los Angeles (Ucla). Erano già noti due oggetti simili nel cuore della Via Lattea e adesso, grazie ad anni di analisi condotte con l’Osservatorio Keck alle Hawaii, i ricercatori ne hanno scoperti altri 4. […]

Il mistero del pianeta scomparso: …

Il mistero del pianeta scomparso: è 3 volte più grande di Giove ma Hubble non lo vede più Fotografato dal telescopio spaziale della Nasa tra il 2004 e il 2006, è scomparso dalle successive osservazioni. Gli astronomi hanno una possibile spiegazione. Dei 4.144 esopianeti scoperti finora, solo 50 sono stati osservati direttamente con un telescopio. La prima volta avvenne nel 2008, quando furono annunciate simultaneamente due scoperte: una serie di “mondi” attorno alla stella HR8799 osservati da telescopi terrestri, e un pianeta solitario che danzava attorno alla stella Formalhaut, fotografato dal telescopio spaziale Hubble tra il 2004 e il 2006. […]

Catturata la più potente esplosione cosmica …

Catturata la più potente esplosione cosmica dopo il Big Bang l’eruzione di un buco nero a 390 milioni di anni luce Un’immane esplosione cosmica ha disseminato lo spazio interstellare di materia ed energia, sotto forma di un intenso bagliore violaceo circondato da un alone blu elettrico. Appare così l’immagine della più potente eruzione di un buco nero mai catturata, la più intensa e violenta nell’universo dopo il Big Bang. L’evento è descritto nello studio pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal dal gruppo di astrofisici coordinato da Simona Giacintucci, del Laboratorio di Ricerca Navale di Washington. A immortalare gli effetti di […]

Se a risolvere l’enigma dei blazar è una nuova fisica

Se a risolvere l’enigma dei blazar è una nuova fisica LA RICERCA SU MONTHLY NOTICES La soluzione a un’anomalia osservativa di alcuni blazar potrebbe coinvolgere le Alp, ipotetiche particelle, predette da varie teorie, possibili candidate a comporre la materia oscura. Lo studio che lo propone, guidato da ricercatori di Inaf e Infn, è l’ultimo lavoro scientifico di Giovanni Bignami, astrofisico di fama internazionale scomparso nel 2017 Molti dei fenomeni che osserviamo nel nostro universo ancora non hanno una spiegazione, e talvolta per formulare possibili soluzioni a questi enigmi è necessario uscire dalla solidità delle attuali teorie standard esplorando scenari di […]

Grosso meteorite è esploso in cielo: enorme bagliore …

Grosso meteorite è esploso in cielo: enorme bagliore e tantissime le segnalazioni dal Perù Meteorite esplode in cielo: numerose le segnalazioni, bolide avvistato da diverse centinaia di persone. Video di quanto è accaduto in Perù. di: Alessandro Allegrucci Fonte: meteoitaliano.it/astronomia-spazio/grosso-meteorite-esplode-in-cielo-in-peru-stupore-nella-popolazione-e-tantissime-segnalazioni-video-di-quanto-si-e-verificato-89423/?refresh_cens

Così con le “sirene cosmologiche” ascoltiamo …

Così con le “sirene cosmologiche” ascoltiamo l’evolversi dell’Universo L’Universo, lo spazio-tempo e le lunghezze d’onda della luce: le galassie si stanno allontanando (senza cambiare coordinate) La distanza tra le galassie aumenta, l’Universo si sta “espandendo”, eppure lo fa senza occupare altro spazio. Nelle scorse settimane abbiamo cercato di comprendere questi concetti così lontani dalla nostra esperienza. E lo abbiamo fatto utilizzando alcuni esempi. Abbiamo immaginato l’Universo come una stanza (leggi qui) le cui pareti, pur senza spostarsi, si allontanano l’una dall’altra perché aumentano le tacche sul metro che usiamo per misurare la distanza tra di esse (abbiamo detto che il […]

Cassini: un’aurora boreale su Saturno

Cassini: un’aurora boreale su Saturno La missione Cassini-Huygens nel sistema di Saturno è definitivamente terminata nel 2017, ma i dati inviati a Terra nel corso della missione di esplorazione sono una inesauribile fonte di studio per i planetologi. Ancora oggi numerosi ricercatori sono impegnati ad analizzare le informazioni che la sonda Cassini, missione congiunta NASA/ESA (e ASI, per ciò che riguardava il lander Huygens, sceso su Titano), inviò da Saturno durante le ultime fasi della missione, durata circa 13 anni e terminata nel settembre del 2017 con quello che è passato alla Storia dell’esplorazione spaziale come il Gran Finale di […]

SpaceX pronta a portare astronauti sulla Iss?

SpaceX pronta a portare astronauti sulla Iss? La NASA è intenzionata a trasformare il volo di prova con equipaggio della Crew Dragon di SpaceX verso la Stazione spaziale internazionale in una missione di lunga durata, probabilmente anche per cercare di evitare che nei prossimi mesi sulla Iss resti un equipaggio ridotto a tre persone. Il nuovo orientamento sembra confermato dalle fotografie rilasciate in questi giorni dalla stessa NASA, con gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley che, al Johnson Space Center, si addestrano per attività extraveicolari (le passeggiate spaziali) e all’uso della robotica, come si legge anche nei tweet del […]

Una stella morente mille volte più grande del Sole …

Una stella morente mille volte più grande del Sole pronta ad esplodere Non sarà proprio come il Big Bang, ma di certo l’esplosione non sarà piccola. A settecento anni luce di distanza da noi, c’è una stella gigante sul punto di morire. Si chiama “Betelgeuse” e, secondo gli astronomi, è una supergigante rossa che si avvicina al fine vita. Una volta giunta a quel punto, potrebbe deflagrare in una gigantesca esplosione. La stella ha un raggio di 1.000 volte superiore a quello del sole. Cosa significa? Che, visto dalla Terra, lo spettacolo di luce potrebbe essere davvero sorprendente. Parlando al […]

Mostruosa galassia nell’universo primordiale

Mostruosa galassia nell’universo primordiale LO STUDIO È PUBBLICATO SU THE ASTROPHYSICAL JOURNAL Circa 12 miliardi di anni fa, quando l’universo era ancora adolescente, la galassia Xmm-2599 aveva già una massa di oltre 300 miliardi di soli. Uno studio ha ora dimostrato che la formazione stellare era stata, fino a quel momento, incredibilmente attiva per poi, improvvisamente e per ragioni ancora sconosciute, cessare completamente. Nella scoperta sono coinvolti anche tre astrofisici dell’Inaf: Francesco La Barbera, Mario Nonino e Paolo Saracco Un team internazionale di scienziati ha trovato un’insolita ed enorme galassia che esisteva già circa 12 miliardi di anni fa, quando […]

Super-Terra in avvicinamento alla sua stella

Super-Terra in avvicinamento alla sua stella FORSE HA UNA COMPAGNA, ANCORA NON INDIVIDUATA Grazie a oltre cento misure condotte con Harps-N, il “cacciatore di esopianeti” del Telescopio nazionale Galileo, un team guidato da Giuseppe Frustagli dell’Inaf di Brera ha ricostruito l’identikit di Hd 80653 b, un esopianeta con un’orbita molto vicina alla sua stella madre, distante da noi 355 anni luce. Le misurazioni del Tng sono state fondamentali per determinare con precisione la massa dell’esopianeta, stimata in almeno 5,6 volte quella della Terra Più di cento accuratissime misure condotte nell’arco di sei mesi dallo strumento Harps-N – il “cacciatore di […]

Anomalie elettromagnetiche nella ionosfera …

Anomalie elettromagnetiche nella ionosfera “segnali” di un fortissimo terremoto PALERMO – Banalizzando si potrebbe scrivere che terra e cielo, litosfera e ionosfera per essere più precisi, sono legati da alcuni fenomeni specifici quando si verificano dei forti terremoti. Pur mantenendosi la regola che vuole l’imprevedibilità dei terremoti e quindi l’impossibilità di calcolarne con esattezza il verificarsi, un recente studio dimostra la presenza di elementi che in qualche misura farebbero da precursori nel caso di sisma di una certa portata. LO STUDIO Si chiama “Precursory worldwide signatures of earthquake occurrences on Swarm satellite data” ed è stato realizzato da un gruppo […]

Apre gli occhi il telescopio solare più grande

Apre gli occhi il telescopio solare più grande Diffuse le prime, dettagliatissime, immagini della superficie solare ottenute con il nuovo osservatorio statunitense Inouye Solar Telescope, dotato di uno specchio primario da ben quattro metri, nonché di un complesso sistema di raffreddamento per dissipare l’enorme calore prodotto un periodo d’oro per la fisica solare. Dopo i primi risultati scientifici della sonda Nasa Parker Solar Probe e l’imminente lancio del satellite europeo Solar Orbiter – attualmente previsto per l’8 febbraio – ha ora aperto gli occhi sulla nostra stella il più grande telescopio solare terrestre. Il National Solar Observatory (Nso) statunitense ha […]

Sono proprio aliene

Sono proprio aliene ALL’ORIGINE DELLE ORBITE IPERBOLICHE NEL SISTEMA SOLARE Gli astronomi del National Astronomical Observatory of Japan hanno studiato il percorso di due famosi oggetti che ci hanno fatto visita recentemente – ‘Oumuamua e Borisov, che ora si stanno allontanando dal Sistema solare per non farvi mai più ritorno – arrivando alla conclusione che molto probabilmente hanno avuto origine al di fuori del Sistema solare. I risultati, pubblicati su Mnras, contribuiscono a migliorare la nostra comprensione del Sistema solare esterno e oltre Di: Maura Sandri Fonte:

Asteroide precipita sul Lago Huron, …

Asteroide precipita sul Lago Huron, tra USA e Canada Un video mostra l’oggetto attraversare il cielo e disintegrarsi sul bacino dell’America Settentrionale. Un asteroide è entrato nell’atmosfera terrestre dopo un lungo viaggio da un’area del Sistema Solare individuata oltre il pianeta Marte producendo un impressionante spettacolo di fuoco nel cielo tra il Canada e gli Stati Uniti. L’oggetto si è disintegrato a contatto con l’atmosfera, ma alcuni frammenti hanno raggiunto la Terra e precisamente il Lago Huron, un bacino al confine tra gli USA e il Canada. Numerosi testimoni hanno dichiarato l’avvistamento di una palla di fuoco molto luminosa attraversare […]

E’ il primo Natale in compagnia di una cometa aliena

E’ il primo Natale in compagnia di una cometa aliena la 21/Borisov, giunta nel sistema solare da una altro sistema planetario. Dall’Uai la mappa del cielo della notte del 24 dicembre ROMA – La cometa a Natale è d’obbligo, se poi è giunta da un altro sistema planetario si fa tutto eccezionale. Sì, proprio una cometa aliena ci terrà compagnia durante queste feste: è la 21/Borisov. L’Unione Astrofili Italiani (Uai) racconta la mappa del cielo nella notte del 24 dicembre. “Sarà una notte senza Luna, che è prossima al novilunio del 26 dicembre, quindi senza il disturbo della sua luce […]

Buco nero, dimmi come attorcigli la luce …

Buco nero, dimmi come attorcigli la luce e ti dirò come ruoti I dati delle misure in onde radio che hanno permesso lo scorso aprile di presentare al mondo la prima immagine del buco nero in M87 sono stati utilizzati da un team italo-svedese per misurare la velocità di rotazione del buco nero situato al centro di questa galassia. È stata impiegata per la prima volta una tecnica elaborata nel 2011 che sfrutta una proprietà particolare della luce, la “twisted light”, un fenomeno previsto dalla Relatività Generale, secondo il quale la luce si “attorciglia a fusillo” quando passa in prossimità […]

Quel vento che mozza il respiro dei quasar

Quel vento che mozza il respiro dei quasar MOSTRI COSMICI FIACCATI DALLA LORO STESSA ATTIVITA’ Uno studio effettuato su un campione di trenta quasar blu osservati con il telescopio spaziale europeo Xmm-Newton ha messo in luce un risultato inatteso: alcuni di questi oggetti sono particolarmente deboli nella banda X. Ne parliamo con Emanuele Nardini dell’Inaf di Arcetri, primo autore dell’articolo appena pubblicato su Astronomy & Astrophysics I trenta quasar presi in esame per questo studio sono “quasar blu”, selezionati con una meticolosa analisi e osservati con il telescopio spaziale Esa Xmm-Newton per raggi X. Si trovano a redshift compreso fra […]

Una misteriosa energia nel cuore della Via Lattea …

Una misteriosa energia nel cuore della Via Lattea potrebbe condurre alla materia oscura Un team del Mit ha applicato un nuovo modello per interpretare un eccesso di raggi gamma osservato nel centro della galassia: potrebbe avere origine nelle collisioni dentro una nube di materia oscura Il telescopio spaziale Fermi della Nasa ha individuato nuovi possibili indizi della presenza di materia oscura, proprio nel cuore della Via Lattea. Ad attirare l’attenzione degli scienziati è stata una strana fonte di energia costituita da un eccesso di raggi gamma. L’origine di questo segnale è in realtà ancora sconosciuta al momento, ma stando all’inedito […]

Dove sono tutti quanti: Un sistema molto speciale

Dove sono tutti quanti: Un sistema molto speciale Le caratteristiche del Sistema Solare potrebbero essere speciali se non uniche, ideali per lo sviluppo della vita senziente sulla Terra. Ma sarebbero state sufficienti? Tutti conosciamo la frase attribuita ad Enrico Fermi, quando durante una pausa, nella mensa dei laboratori Los Alamos, dove il grande fisico italiano lavorava nel 1950, durante una discussione con i colleghi su un recente, presunto avvistamento UFO, esclamò: “Dove sono tutti quanti?”. In altri termini Fermi focalizzò un aspetto conosciuto ma non per questo meno strano dell’universo, se soltanto la nostra galassia è popolata da miliardi di […]

L’eta della Via Lattea svelata dall’asterosismologia

L’eta della Via Lattea svelata dall’asterosismologia (CONFERMA L’IPOTESI DI UN “DISCO SPESSO“ VECCHIO) Dieci miliardi di anni. Questa l’età media delle stelle contenute nel disco spesso della nostra galassia. Il risultato, pubblicato su Mnras, è stato ottenuto utilizzando i dati del telescopio spaziale Kepler della Nasa. Fra gli autori c’è anche una ricercatrice dell’Inaf di Padova, Valentina D’Orazi Fosse il tema di un libro divulgativo, il titolo potrebbe essere qualcosa come Con l’asterosismologia si può. Il motivo è semplice: da quando si è iniziato a utilizzarla, la mole di informazioni che questa tecnica ha permesso di ottenere è davvero corposa. […]

Su Giove 7 cicloni giganteschi, …

Su Giove 7 cicloni giganteschi, dall’effetto ipnotico Fotografati dallo strumento italiano a bordo della sonda Juno della Nasa Giganteschi cicloni si sono formati nella zona attorno al Polo Sud di Giove; sono sette e vicini fra loto, ognuno di essi è vasto almeno quanto gli Stati Uniti e insieme appaiono come un esagono di velluto rosso e giallo dall’effetto quasi ipnotico. Li ha fotografati la missione Juno della Nasa grazie allo strumento Jiram (Jovian InfraRed Auroral Mapper), è uno dei due strumenti italiani a bordo della sonda, realizzato da Leonardo sotto il coordinamento dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e in collaborazione […]

Nuova esplosione magnetica sul Sole

Nuova esplosione magnetica sul Sole Il Solar Dynamics Observatory della Nasa ha osservato per la prima volta una riconnessione magnetica forzata. Nella parte superiore dell’atmosfera della nostra stella, una protuberanza solare, mentre stava ricadendo sulla superficie, ha incontrato un groviglio di linee di forza del campo magnetico, scatenando un’esplosione magnetica. La comprensione di tale fenomeno potrebbe avere ripercussioni sulla Terra, sia per applicazioni satellitari che per esperimenti di fisica dei plasmi (TUTTI I DETTAGLI SU THE ASTROPHYSICAL JOURNAL) Sebbene il Sole si stia avvicinando a infrangere il record di giorni senza macchie sulla sua superficie (nel 2019 sono già 276, […]

Gigantesche nuvole di carbonio intorno alle galassie …

Gigantesche nuvole di carbonio intorno alle galassie primordiali: è il più antico inquinamento dell’Universo A fare la scoperta un team internazionale di ricercatori, tra cui il gruppo di cosmologia della Scuola Normale di Pisa Gigantesche nuvole di carbonio gassoso estese per un raggio di oltre trentamila anni luce attorno a galassie primordiali distanti circa 13 miliardi di anni luce dalla Terra. Le ha scoperte un team internazionale di ricercatori, tra cui il gruppo di cosmologia della Scuola Normale di Pisa guidato da Andrea Ferrara. Poiché nessuno studio teorico aveva previsto l’esistenza di questi enormi ‘bozzoli’ di carbonio attorno alle prime […]

Davvero ci aspetta una catastrofe planetaria …

Davvero ci aspetta una catastrofe planetaria con l’inversione del campo magnetico terrestre? Si fa un gran parlare del fatto che il polo nord magnetico della Terra continua a spostarsi verso ovest, dal Canada alla Siberia. Non mancano sui media, a questo proposito, articoli dai titoli allarmanti sulla drammaticità delle possibili conseguenze di una eventuale inversione del campo magnetico terrestre. Cosa c’è di vero negli allarmi? Proviamo a scoprirlo. Il nostro pianeta emette un campo magnetico creato dalle fluttuazioni del suo nucleo. Questo campo è importante: protegge il pianeta dalle particelle cariche emesse dal Sole, per secoli ha aiutato i marinai […]

Ossigeno su Marte: il mistero dell’atmosfera …

Ossigeno su Marte: il mistero dell’atmosfera del pianeta rosso I livelli di ossigeno marziano aumentano del 30% in più del previsto in primavera, per poi tornare a livelli normali in autunno: come accade? Nell’atmosfera marziana c’è più ossigeno del previsto, ma solo in primavera ed estate. Questa la scoperta che si deve alle analisi del laboratorio a bordo del rover Curiosity della NASA, che ha raccolto campioni di gas nella porzione di atmosfera sopra al cratere Gale di Marte. In particolare, gli scienziati hanno scoperto che se in inverno e autunno la quantità di ossigeno nell’aria è inferiore allo 0,2%, […]

Nella Via Lattea un buco nero impossibile …

Nella Via Lattea un buco nero impossibile. Distante 15.000 anni luce, ha una massa mostruosa Distante 15.000 anni luce, ha una massa mostruosa Un buco nero impossibile, con una massa 70 volte superiore a quella del Sole, è stato scoperto nella Via Lattea a 15.000 anni luce dalla Terra, contrariamente a ogni previsione. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, si deve alla ricerca internazionale coordinata dal gruppo dell’Accademia Cinese delle Scienze coordinato da Jifeng Liu, dell’Osservatorio di Pechino, e alla quale l’Italia ha partecipato con Mario Lattanzi. dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). La massa di questo mostro cosmico, accompagnato da […]

Europa a vapore: c’è acqua sulla luna di Giove

Europa a vapore: c’è acqua sulla luna di Giove Confermata la presenza di vapore acqueo sul satellite mediceo da parte di un team di ricerca internazionale guidato dal Goddard Space Flight Center della Nasa. I ricercatori spiegano di aver rilevato una quantità di acqua sufficiente a riempire una piscina olimpionica in pochi minuti. Si tratta della prima rilevazione diretta della molecola su Europa Quarant’anni fa, la sonda Voyager 1 scattò le prime immagini ravvicinate di Europa, una delle 79 lune di Giove. Immagini che hanno rivelato fessure brunastre screziare la superficie ghiacciata della luna, conferendole l’aspetto di un bulbo oculare […]

Inattesa curva demografica per 69 galassie

Inattesa curva demografica per 69 galassie Uno studio sulle popolazioni stellari di galassie molto antiche prese in esame durante la survey Califa sorprende gli astronomi: l’andamento delle età delle stelle non è uniforme dal centro verso l’esterno delle galassie, come invece ci si aspettava. Ne parliamo con Stefano Zibetti dell’Inaf di Arcetri, primo autore dell’articolo pubblicato su Mnras Quando parliamo di galassie antiche non scherziamo: le galassie ellittiche e lenticolari – le più anziane dell’universo – sono formate perlopiù da stelle nate quando l’universo aveva meno di un terzo della sua età attuale: oltre otto miliardi di anni fa. A […]

L’algoritmo Copernicus scopre che la Terra …

L’algoritmo Copernicus scopre che la Terra ruota intorno al Sole Gli è bastato osservare i movimenti di Marte L’algoritmo Copernicus è assolutamente degno del suo nome perché gli è stato sufficiente osservare i movimenti del Sole e di Marte per dedurre il movimento di rotazione della Terra ruota intorno alla sua stella: una deduzione che all’uomo ha richiesto un tempo decisamente maggiore. Copernicus sta continuando a imparare e la speranza è che presto possa scoprire nuove leggi fisiche. Descritto sulla rivista Physical Review Letters, è stato messo a punto in Svizzera, dal gruppo del Politecnico Federale di Zurigo (Eth) guidato […]

Il soffio del buco nero che accende nuove stelle

Il soffio del buco nero che accende nuove stelle La scoperta è stata coordinata da Roberto Gilli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophysics Non solo “voraci” di materia e capaci di ingurgitare qualunque cosa venga a trovarsi nel loro raggio di azione, trascinato inesorabilmente dalla loro eccezionale forza di attrazione gravitazionale, i buchi neri possono essere in grado di innescare la formazione di nuove stelle in altre galassie, anche a distanze enormi. Questo è il risultato di uno studio guidato da Roberto Gilli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), che suggerisce come i getti […]

Meteoriti in arrivo: ecco i due asteroidi …

Meteoriti in arrivo: ecco i due asteroidi che sfioreranno la Terra I meteoriti rappresentano un elemento di studio molto importante per le agenzie spaziali: attualmente sono due quelli finiti nel radar di queste ultime, ecco cosa sappiamo al riguardo. L’universo è infinito e il Pianeta Terra rappresenta solo un granello in una spiaggia di cui, francamente, ancora conosciamo molto poco. Con l’avanzare degli anni e delle tecnologie, l’uomo è riuscito ad effettuare passi in avanti incredibili e scoperte sensazionali sugli altri Pianeta che costituiscono il Sistema Solare. Ciononostante, però, non ha ancora ideato un possibile mezzo di difesa contro eventuali […]

In Cile a caccia di meteoriti

In Cile a caccia di meteoriti DAGLI APPENNINI ALLE ANDE, E RITORNO Un gruppo di scienziati, due dei quali dell’Inaf, è giunto nel deserto di Atacama, in Cile. Obiettivo: cercare per due settimane meteoriti in uno degli ambienti più aridi del nostro pianeta e studiare crateri da impatto, prodotti della caduta di asteroidi sulla superficie della Terra. E magari trovare indizi utili per svelare la natura degli enigmatici Pica glass Sono volati in Cile per una spedizione che li porterà nel deserto di Atacama a studiare crateri da impatto e alla ricerca di meteoriti preziose per lo studio del nostro […]

L’universo è fatto di bolle con dentro mini-universi, …

L’universo è fatto di bolle con dentro mini-universi, dicono gli scienziati La ‘schiuma spaziotemporale’ potrebbe essere la cosa più assurda nell’universo conosciuto, e abbiamo cominciato solo ora a capirne qualcosa. C’è una domanda che tormenta i fisici dal 1917: di che cosa è fatto l’universo? A complicare questa domanda (di per sé non facilissima) c’è il fatto che tutte le teorie che produciamo sono in netto conflitto con ciò che osserviamo dell’universo. Albert Einstein, leggenda vuole, si sentiva molto in colpa per aver fatto notare al mondo il problema, tant’è che lo definiva “il suo più grande errore.” In poche […]

Nuove foto della strana sostanza “gelatinosa” …

Nuove foto della strana sostanza “gelatinosa” trovata dai cinesi sulla Luna. Che cos’è? Mistero risolto, forse. Le immagini rilasciate dall’Agenzia spaziale cinese suggeriscono si tratti di qualcosa che già conosciamo: frammenti di vetro nero incastonati in minerali scuri La strana sostanza gelatinosa che il rover Yutu-2 della missione spaziale cinese Chang’e-4 ha trovato sulla Luna non sarebbe poi così strana. Il sito cinese Our Space ha pubblicato altre immagini del luccicante materiale misterioso, che non lo fanno sembrare molto diverso dai frammenti di vetro nero rinvenuti dalla Nasa durante la missione Apollo 17 nel 1972. A fine agosto, a distanza […]

Beccata l’abominevole galassia primordiale

Beccata l’abominevole galassia primordiale SI NASCONDEVA IN UNA NUVOLA DI POLVERE Scoperte casualmente, grazie al radiotelescopio Alma in Cile, le tracce – mai viste prima – di un’enorme galassia esistita 12 miliardi e mezzo di anni fa, quando l’universo era ancora molto giovane. Finora si pensava che l’esistenza di questi “mostri” fosse solo una leggenda Un gruppo internazionale di ricerca ha scoperto accidentalmente le tracce di un’enorme galassia nell’universo primordiale, mai vista prima. Quasi come un leggendario Yeti – l’abominevole uomo delle nevi – cosmico, l’esistenza di una galassia di questo tipo è stata finora considerate dalla comunità scientifica come […]

‘Fantasmi’ stellari infestano la galassia …

‘Fantasmi’ stellari infestano la galassia vicina alla Via Lattea Scoperti dal precursore del super radiotelescopio Ska Ci sono ben due ‘fantasmi’ stellari che infestano la Piccola Nube di Magellano, la galassia nana visibile dall’emisfero australe e distante circa 200.000 anni luce dalla Terra: sono i potenziali resti di due supernovae, comparsi a sorpresa nella più dettagliata mappa radio della galassia mai ottenuta finora. Pubblicata sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, è stata realizzata da un gruppo internazionale di astronomi guidato dall’Università di Manchester, a cui hanno partecipato anche ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). La mappa della […]

Morte di una stella, la Supernova Tycho vista …

Morte di una stella, la Supernova Tycho vista ai Raggi X è una meraviglia L’immane esplosione catturata dal Chandra X-ray Observatory della Nasa. Nel 1572, l’astronomo danese Tycho Brahe si accorse della presenza di un nuovo oggetto luminoso nella costellazione di Cassiopea. Mettendosi sulla scia della rivoluzione scientifica iniziata da Copernico, Brahe mostrò che questa “nuova stella” doveva trovarsi molto al di là la Luna e che era un segno osservabile di come l’universo oltre il Sole e i pianeti fosse soggetto a mutamenti. Gli astronomi oggi sanno che la nuova stella di Tycho non era affatto nuova ma che […]

Hubble scova un intruso visitatore interstellare, …

Hubble scova un intruso visitatore interstellare, viaggia a 150 mila Km orari attraverso la galassia Il 12 ottobre 2019 Hubble, il telescopio spaziale della NASA / ESA, ha regalato agli astronomi la straordinaria immagine di un “visitatore interstellare” – la cometa 2I / Borisov – che si suppone sia arrivata da un altro sistema planetario da qualche parte nella nostra galassia. Si tratta della immagine più nitida di sempre della cometa interstellare. Una serie di scatti in cui Hubble rivela una concentrazione centrale di polvere attorno al solido nucleo ghiacciato. La cometa 2I / Borisov è solo il secondo oggetto […]

Un gruppo di scienziati propone di contaminare …

Un gruppo di scienziati propone di contaminare Marte con microbi terrestri prima che ci arrivi l’uomo La NASA e le compagnie private come SpaceX vogliono mandare gli uomini su Marte. In un nuovo studio, un gruppo di scienziati suggerisce che dovremmo infettare Marte con microbi terrestri prima che le persone atterrino sul pianeta rosso. Secondo i ricercatori, questi microbi potrebbero rendere Marte più adatto all’insediamento umano. Tuttavia, questa idea contrasta con la politica della NASA di protezione dei pianeti e di altri oggetti spaziali dalla contaminazione con organismi terrestri. Cinquant’anni dopo il primo passo dell’uomo sulla luna, Marte è diventata […]

L’angolo della scienza ‘dura’: c’è un wormhole …

L’angolo della scienza ‘dura’: c’è un wormhole (una ‘galleria’ verso altre galassie) nel buco nero della Via Lattea? Se c’è possiamo scovarlo Prima di addentrarci in quel che sostengono due astrofisici, De-Chang Dai dell’Università di Yangzhou in Cina e Dejan Stojkovic dell’Università di Buffalo, ossia che avrebbero trovato il sistema per verificare se nel cuore della nostra Galassia c’è un wormhole, soffermiamoci per un momento a ricordare cos’è un wormhole. In modo più scientifico sono chiamati “ponti di Einstein-Rosen”, o “cunicoli spazio-temporali” e stando ad alcune ipotesi, non ancora suffragate da prove empiriche, sono delle “scorciatoie” che permetterebbero da passare […]

Buco nero in slow motion

Buco nero in slow motion “FILMATO” A OLTRE TRECENTO FOTOGRAMMI AL SECONDO Un team d’astronomi guidato dall’Università di Southampton, partendo da dati acquisiti da Nicer e Hypercam, ha creato un video al rallentatore di un buco nero che sta accrescendo la sua massa a scapito di una stella compagna, e scoperto nuovi e interessanti indizi per comprendere l’ambiente che circonda questi oggetti. Tutti i dettagli su Mnras Un team internazionale di astronomi, guidato dall’Università di Southampton, partendo da dati reali – ottici e X – ha creato un video di un buco nero che sta accrescendo la sua massa a […]

Spazio: Giove ha ‘fagocitato’ un altro pianeta

Spazio: Giove ha ‘fagocitato’ un altro pianeta Un pianeta con una massa pari a dieci volte quella della Terra è precipitata, circa 4,5 miliardi di anni fa, sul gigante gassoso rendendo il nucleo ”liquido”. Un gruppo internazionale di scienziati, conducendo una ricerca Giove, ha tentato si spiegare l’origine della presenza di un nucleo ”diluito” e non solido come negli altri pianeti gassosi del Sistema Soalre. L’origine di questa particolare caratteristica del corpo celeste è probabilmente da ricercare in uno scontro verificatosi milioni di anni fa con un “embrione” planetario 10 volte più pesante della Terra. L’impatto avrebbe creato un nucleo […]

Una conferma per la ragnatela intergalattica

Una conferma per la ragnatela intergalattica Il Very Large Telescope dell’ESO ha rilevato a 12 miliardi di anni luce da noi la debole luce emessa dai filamenti di gas intergalattico che formano una gigantesca ragnatela cosmica: è la chiave per capire come l’universo si è evoluto nel tempo Nella costellazione dell’Acquario, a 12 miliardi di anni luce da noi, c’è SSA22, un ammasso di galassie in una fase primordiale del suo sviluppo. Grazie all’osservazione di questo oggetto remoto, i ricercatori di un’ampia collaborazione internazionale, di cui fa parte anche l’Università di Milano-Bicocca, hanno trovato una nuova conferma dell’esistenza di una […]

Là dove si riversa il gas si nascondono pianeti

Là dove si riversa il gas si nascondono pianeti Utilizzando i dati ottenuti dalle antenne di Alma, un team di scienziati ha osservato un flusso di materia che precipita nei solchi presenti all’interno del disco circumstellare della giovane stella Hd 163296. Il risultato, pubblicato oggi su Nature, conferma la presenza al loro interno di pianeti in formazione I dischi circumstellari che circondano le giovani stelle sono vere e proprie culle planetarie. Strutture nelle quali prendono forma i nuovi mondi che andranno poi a formare il futuro sistema planetario. Sono dunque le strutture ideali da studiare per comprendere i processi di […]

Vita aliena su Encelado più probabile: …

Vita aliena su Encelado più probabile: la NASA scopre nuovi composti organici sulla luna di Saturno Grazie ai dati raccolti dallo spettrometro Cosmic Dust Analyzer (CDA) installato sulla compianta sonda Cassini, un team di ricerca internazionale ha scoperto nuovi composti organici nei pennacchi espulsi nello spazio da Encelado. Aumentano le probabilità che l’oceano profondo del satellite sia abitato da vita aliena. Nuovi composti organici alla base dei “mattoni della vita” sulla Terra sono stati scoperti nei pennacchi espulsi nello spazio dalla superficie di Encelado, una delle principali lune di Saturno. Il satellite del “Signore degli Anelli” è notoriamente uno dei […]

Scoperto pianeta gigante attorno a una stella giovane: …

Scoperto pianeta gigante attorno a una stella giovane: ha una massa 3mila volte quella della Terra Grazie ai dati raccolti dallo strumento HARPS installato su un telescopio dell’Osservatorio di La Silla, in Cile, un team di ricerca internazionale ha scoperto un secondo pianeta attorno alla stella Beta Pictoris, sita a 63 anni luce dalla Terra. Ha una massa pari a nove volte quella di Giove e impiega 1200 giorni per completare un’orbita. Spazio tempo. La scoperta. A intercettare il secondo pianeta in orbita attorno a Beta Pictoris, chiamato Beta Pictoris c, è stato un team di ricerca internazionale guidato da […]

Una scia di gas dal nuovo intruso del Sistema Solare

Una scia di gas dal nuovo intruso del Sistema Solare E’ nella chioma della cometa interstellare Nella chioma del nuovo intruso del Sistema Solare, arrivato dallo spazio interstellare dopo la cometa Oumuamua, c’è un gas: è una forma di cianuro composta da carbonio e azoto. Chiamata cianogeno, questa sostanza si trova spesso anche nella coda delle comete finora note e indica che l’intruso arriva da un sistema planetario non molto diverso dal nostro. Pubblicata sul sito ArXiv, che ospita articoli che non hanno ancora superato la revisione della comunità scientifica, la ricerca è coordinata dall’italiano Marco Micheli, del Centro di […]

Ecco gli strani suoni registrati su Marte

Ecco gli strani suoni registrati su Marte Grazie a un orecchio davvero speciale, il lander della Nasa Insight ha rilevato suoni di terremoti e raffiche di vento su Marte. Ecco i file audio per ascoltare questi inquietanti rumori. Misteriosi e inquietanti rumori. È quello che hanno appena ascoltato le potenti orecchie di Insight, il lander della Nasa atterrato lo scorso novembre con lo scopo di studiare la composizione interna di Marte. Ad annunciarlo sono stati i ricercatori della Nasa secondo cui questi suoni sembrano provenire da due terremoti e da alcune raffiche di vento. Grazie a un orecchio davvero speciale, […]

Inversione ‘superveloce’ dei poli magnetici …

Inversione ‘superveloce’ dei poli magnetici della Terra In passato è accaduto 78 volte in pochi milioni di anni L’inversione dei poli magnetici della Terra avviene più velocemente del previsto: particelle magnetiche trovate in rocce sedimentarie della Siberia indicano che 500 milioni di anni fa Nord e Sud magnetici si sono invertiti circa 80 volte nell’arco di pochi milioni di anni. La scoperta, pubblicata sulla rivista Earth and Planetary Science Letters, si deve alla ricerca coordinata da Yves Gallet, dell’università di Parigi e del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs). Analizzando i sedimenti raccolti nel fiume Khorbusuonka, nella Siberia […]

Il misterioso Pianeta 9 potrebbe essere un buco nero

Il misterioso Pianeta 9 potrebbe essere un buco nero L’ennesima ipotesi sulla sua natura, ma nessuna prova della sua esistenza Torna a far parlare di sé il misterioso Pianeta 9, che potrebbe trovarsi ai confini del Sistema Solare: potrebbe essere un buco nero primordiale, risalente al Big Bang. È l’ultima, forse la più bizzarra, tra le ipotesi per spiegare le anomalie gravitazionali finora osservate oltre l’orbita di Nettuno, popolata da asteroidi e pianeti nani, chiamata fascia di Kuiper. A formularla, i fisici Jakub Scholtz, dell’Università britannica di Durham e James Unwin, dell’Università americana dell’Illinois a Chicago. L’articolo al momento non […]

L’origine della vita nelle nubi interstellari: …

L’origine della vita nelle nubi interstellari: trovate le basi del Dna Uno studio giapponese ha simulato le condizioni presenti nelle nubi molecolari tra le stelle, riscontrando la presenza delle basi azotate tipiche del Dna: potrebbe essere la chiave per capire com’è nata la vita sulla Terra L’origine delle cosiddette nucleobasi del Dna, di cui sono costituiti i pioli della doppia elica, potrebbe essere interstellare. Queste basi azotate potrebbero infatti essersi formate all’interno delle nubi di gas presenti tra le stelle, viaggiando poi verso la Terra grazie ai meteoriti. È questa la suggestiva ipotesi proposta dai ricercatori dell’Università di Hokkaido, in […]

Il volto ”abitabile” di Venere. Gli scienziati riscrivono …

Il volto ”abitabile” di Venere. Gli scienziati riscrivono l’evoluzione del pianeta Per circa 3 miliardi di anni potrebbe aver ospitato oceani, prima di un possibile disastroso effetto serra. E’ l’ipotesi di un nuovo studio elaborato dal Nasa Goddard Institute of Space Science IL pianeta Venere potrebbe essere stato un tempo abitabile? E’ la domanda che si sono posti i ricercatori del Nasa Goddard Institute of Space Science alle prese con nuovi modelli che mostrano un volto nuovo del pianeta “gemello” della Terra. Simile per dimensioni, ma assai inospitale a causa della vicinanza del Sole, Venere – secondo lo studio presentato […]

Spazio, scoperta una stella di neutroni: …

Spazio, scoperta una stella di neutroni: è l’oggetto più denso dell’universo Il corpo celeste ha una massa due volte superiore a quella del Sole e si trova a 4.600 anni luce dalla Terra Grande poco più di Chicago, ma con una massa 300mila volte superiore a quella della Terra, 2,17 volte quella del Sole. Si tratta di J0740+6620, una stella di neutroni scoperta grazie al radiotelescopio dell’osservatorio “Green Bank” in West Virginia, Usa. L’oggetto cosmico, situato a 4.600 anni luce da noi, è una pulsar, una stella che ruota molto velocemente intorno a se stessa generando radiazioni elettromagnetiche. Troppo massiccia […]

Il telescopio Hubble immortala la danza letale …

Il telescopio Hubble immortala la danza letale di due galassie poco prima di fondersi Il cielo ci regala tanti spettacoli invisibili che arrivano a noi grazie a potentissimi telescopi come Hubble: l’ultimo dono dello straordinario occhio della Nasa è una danza – affascinante ma allo stesso tempo mortale – tra due galassie che si trovano a 424 milioni di anni luce da noi. I due immensi ammassi cosmici – ribattezzati UGC 2369 – sembrano dilettarsi in un ballo d’altri tempi, si sfiorano, si attirano e si studiano reciprocamente per via dell’attrazione gravitazionale che li tiene uniti in uno spettacolare vortice […]

Incontro fatale con il Sole, cometa inghiottita

Incontro fatale con il Sole, cometa inghiottita Una cometa si è avvicinata verso il centro del sole e si è letteralmente evaporata a causa dell’elevata temperatura della stella. Si chiamano “Kreutz Sungrazer”, sono le comete suicide, corpi celesti che si avvicinano al sole tanto da esserne fagogitate. Il telescopio SOHO, Solar and Heliospheric Observatory, ne ha catturata una lo scorso giovedì, proprio mentre veniva inghiottita dalla stella. La cometa si dirige proprio verso il centro dell’astro, si avvicina e si tuffa dentro il sole. Nel video è visibile anche il pianeta Venere, contrassegnato con un disco. (Comet ‘Dives’ Into Sun […]

Acqua su Marte: non piove da tempo ma confermata …

Acqua su Marte: non piove da tempo ma confermata presenza di dune di sabbia simili a gocce di pioggia La scoperta di queste dune marziane è la prova di quanto, nel tempo, le caratteristiche del Pianeta Rosso siano state ben conservate Non piove da molto tempo su Marte, ma il Pianeta Rosso ha dune di sabbia molto simili a gocce di pioggia piene di sostanze chimiche prodotte nell’acqua. Il pianeta Marte è noto per essere un luogo secco e arido in cui predominano le dune di sabbia rossa polverosa e l’acqua esiste quasi interamente sotto forma di ghiaccio. Ma non […]

Loki sta per eruttare, è il vulcano più potente …

Loki sta per eruttare, è il vulcano più potente del Sistema Solare Potrebbe eruttare da un momento all’altro il più potente vulcano attivo del Sistema Solare: chiamato Loki Patera, si trova sulla grande luna di Giove “Io” ed è un enorme lago di lava che si attiva ciclicamente ogni 475 giorni. Considerato che l’ultima eruzione è avvenuta nel maggio 2018, si stima che la nuova possa avvenire proprio in questi giorni, in una finestra temporale che si chiuderà il 24 settembre, secondo i calcoli della fisica Julie Rathbun del Planetary Science Institute, in Arizona. Loki sta per eruttare, è il […]

Spazio, scoperto a 110 anni luce dalla Terra …

Spazio, scoperto a 110 anni luce dalla Terra un nuovo pianeta in cui c’è acqua. Gli scienziati: “Lì potrebbero esserci segni di vita” La ricerca dell’University College di Londra apparsa su Nature Astronomy. K2-18b orbita attorno a una stella nana rossa nella “zona abitabile”. “Trovare acqua in un mondo potenzialmente abitabile diverso dalla Terra è incredibilmente eccitante”, ha commentato uno degli autori, Angelos Tsiaras. “Ci avvicina a rispondere alla domanda fondamentale: la Terra è unica?” “La vita come sappiamo è basata sull’acqua. Questo pianeta è il miglior candidato che abbiamo al di fuori del nostro sistema solare nella ricerca di […]

I cristalli alieni di Titano: i misteri dello spazio

I cristalli alieni di Titano: i misteri dello spazio I cristalli alieni di Titano svelano diversi misteri sulla più grande luna di Saturno. Infatti la superficie ai bordi dei suoi laghi di idrocarburi potrebbe essere ricoperta da cristalli mai visti sulla Terra. I cristalli alieni di Titano sono minerali molecolari. In pratica sono strutture che si comportano come minerali ma sono fatte di molecole organiche. È quanto emerge dal congresso di Astrobiologia a Seattle. Il gruppo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, coordinato da Morgan L Cable, ha illustrato i risultati ottenuti ricostruendo in laboratorio le condizioni della luna […]

Sulla Luna sono sbarcati migliaia di tardigradi …

Sulla Luna sono sbarcati migliaia di tardigradi invincibili o quasi A bordo della sonda israeliana che qualche mese fa si è schiantata sulla Luna c’erano anche migliaia di tardigradi, microrganismi quasi… immortali: daranno vita alla prima colonia lunare? Lo scorso mese di aprile la sonda israeliana Beresheet della Società privata SpaceIL ha concluso il suo viaggio, fino a quel punto perfetto, dal nostro Pianeta alla Luna, con uno schianto. Finora si sapeva che il suo piccolo carico comprendeva, tra l’altro, la la prima biblioteca lunare di Arch Mission (una Fondazione che ha l’obiettivo di archiviare le conoscenze dell’uomo per renderle […]

Lo scatto perfetto: la Iss passa davanti al Sole

Lo scatto perfetto: la Iss passa davanti al Sole Questo è davvero lo scatto perfetto la Iss ‘catturata’ mentre passa davanti al SoleLa riconoscete? Non è una macchia solare. E’ la ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, “catturata” in questo spettacolare scatto dall’astrofotografa Rainee Colacurcio e pubblicata dal sito della Nasa Astronomy Picture of the Day. Ecco come è stata realizzata Fonte:

Chiarito mistero del glitch nelle stelle di neutroni

Chiarito mistero del glitch nelle stelle di neutroni Le stelle di neutroni sono le stelle più dense dell’universo (se non si considerano i buchi neri delle stelle) e ruotano molto velocemente nonché regolarmente. Almeno di solito: una piccola percentuale di esse, infatti, mostra un misterioso comportamento che gli scienziati hanno denominato “glitch”: alcune porzioni dell’interno della stella si spostano verso l’esterno e ciò sembra permettere alle stesse stelle di ruotare più velocemente per brevi periodi. In un nuovo studio, pubblicato su Nature Astronomy, un gruppo di ricercatori ha analizzato proprio una di queste stelle, la Pulsar delle Vele, una stella […]

Ammasso di galassie, scoperto enorme aggregato …

Ammasso di galassie, scoperto enorme aggregato che cambierà la storia dell’universo ROMA – Gli astronomi dell’Università di Tokyo hanno scoperto un ammasso di galassie finora sconosciute che risalgono a circa 2 miliardi di anni dopo il Big Bang e che cambieranno le mappe e la storia dell’Universo. Le galassie individuate dal telescopio spaziale ALMA sono 39 mentre con Hubble risultano invisibili. Tao Wang dell’Istituto di astronomia dell’Università di Tokyo ha affermato: “E’ la prima volta che viene scoperto un enorme ammasso di galassie risalenti a 2 miliardi dei 13,7 miliardi di anni di vita dell’Universo e ciò aiuterà ad aggiungere […]

Hubble ci regala una nuova, straordinaria immagine …

Hubble ci regala una nuova, straordinaria immagine di Giove e della sua Grande Macchia Rossa morente Questa immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA mostra con un dettaglio senza precedenti la bellezza intricata delle nuvole di Giove. Scattata il 27 giugno 2019, l’immagine esalta il fascino del marchio di fabbrica del pianeta, la Grande Macchia Rossa, e una tavolozza di colori più intensa tra i vortici dell’atmosfera turbolenta del pianeta rispetto a quanto si era potuto osservare in precedenza. Fonte:

La foto da Saturno diventa virale …

La foto da Saturno diventa virale (la stellina che vedete è la Terra) La fotografia è della Nasa, rappresenta la Terra (la stellina indicata dalla freccia) vista dal pianeta Saturno, maestoso con i suoi celebri anelli. L’immagine è frutto in realtà di diverse fotografie scattate dalla sonda Cassini, lanciata da Cape Canaveral nel 1997 e che per vent’anni ha inviato fotografie e dati dallo spazio. Questa che pubblichiamo è stata vista da Paolo Aresi, giornalista e scrittore bergamasco di fantascienza (ma non solo) e nostro collaboratore. Aresi l’ha postata in Facebook nel pomeriggio di mercoledì 8 agosto: in meno di […]

Asteroidi: QV89 e Apophis si stanno avvicinando …

Asteroidi: QV89 e Apophis si stanno avvicinando alla Terra QV89 e Apophis sono i nome dei due asteroidi in viaggio verso la Terra. La NASA e l’ESA li tengono sotto controllo ed hanno divulgato nuovi particolari: ecco tutto ciò che sappiamo in merito. Due nuovi asteroidi identificati dalle agenzie spaziali stanno fluttuando nell’universo, attraversando il Sistema Solare e preoccupando gli scienziati del pianeta Terra. QV89 e Apophis sono i nomi di questi due corpi dalle dimensioni notevoli e protagonisti di molte news online, le quali preoccupano gli utenti senza un fondo di base. Studiati già da diversi anni dalla NASA […]

Scoperta antichissima stella che contiene in sé resti …

Scoperta antichissima stella che contiene in sé resti di una stella ancora più antica Uno studio australiano rivela la scoperta di uno dei corpi celesti più strani che si potessero trovare nella nostra Galassia. Una delle stelle più antiche della Via Lattea che, al suo interno, conserverebbe i resti di una ‘stella madre’ ancora più antica e risalente agli inizi dell’intero Universo. Secondo l’autore dello studio, Thomas Nordlander, astronomo della Australian National University, si tratterebbe di una vera e propria: “… macchina del tempo che ci riporta ai tempi della nascita delle prime stelle nell’Universo” Questa stella, che si trova […]

In che modo (relativamente) semplici simmetrie …

In che modo (relativamente) semplici simmetrie sono alla base del nostro universo in espansione Sebbene la teoria dello spazio-tempo di Einstein sembri più complicata della fisica newtoniana, ha notevolmente semplificato la descrizione matematica dell’universo. Isaac Newton e altri fisici premoderni vedevano lo spazio e il tempo come entità separate e assolute – i rigidi fondali su cui ci muoviamo. In apparenza, questo ha reso la matematica dietro le leggi di Newton del 1687 molto semplici. Ha definito la relazione tra forza, massa e accelerazione, per esempio, come F? =ma. Al contrario, quando Albert Einstein ha rivelato che lo spazio e […]

Einstein ha ragione ancora una volta, …

Einstein ha ragione ancora una volta, lo mostra il buco nero al centro della Via lattea La gravità in prossimità del buco nero supermassiccio Sagittarius A*, al centro della nostra galassia, è proprio come l’ha descritta Einstein nella sua teoria della relatività generale. Lo studio su Science Un altro punto a favore Einstein, che con la sua teoria della relatività generale non sbaglia (quasi) mai e descrive bene la gravità su grande scala, a livello dell’Universo, come dimostrano varie prove sperimentali. Oggi a portare una nuova conferma è il comportamento di una stella che orbita intorno al buco nero supermassiccio […]

Finalmente il volto della Via Lattea appena nata: …

Finalmente il volto della Via Lattea appena nata: ecco com’era 13 miliardi di anni fa Gli scienziati sono finalmente riusciti a mostrarci il volto della Via Lattea 13 miliardi di anni fa, cioè quando era appena nata, inoltre ci svelano come si sia formata. Vediamo insieme cosa c’è da sapere sulle origini della Via Lattea e come gli esperti siano giunti a questa impostante scoperta. Gli scienziati sono riusciti finalmente a mostrarci il volto della Via Lattea 13 miliardi di anni fa e cioè nel momento della sua nascita. Vediamo insieme come i ricercatori sono riusciti a ricostruire i primi […]

Asteroide in arrivo il 10 agosto, la Nasa: “E’ pericoloso …

Asteroide in arrivo il 10 agosto, la Nasa: “E’ pericoloso. Può impattare con la Terra” ROMA – Dopo essere saltato definitamente l’incontro con l‘Asteroide 2006 QV89, la NASA ora ha rilevato la presenza di 2006 QQ23, un altro enorme e pericoloso che potrebbe avere alte probabilità di colpire la Terra il mese prossimo, precisamente il 10 agosto intorno alle 07:23 AM. Secondo il CNEOS, l’asteroide 2006 QQ23 dovrebbe passare oltre la Terra a una distanza di circa 0,04977 UA, unità astronomica, abbastanza breve in termini astronomici e viaggiare alla velocità di circa 16.700 km/h. È stato contrassegnato come “pericoloso”, il […]

Psyche 16: l’asteroide pieno d’oro …

Psyche 16: l’asteroide pieno d’oro potrebbe nascondere ben altro L’asteroide Psyche 16 ha lasciato negli ultimi giorni molte incertezze riguardo alla sua composizione d’oro. Scopriamo di seguito la verità sull’asteroide. Ogni giorno sentiamo parlare in giro per il web dei pericolosi asteroidi che costantemente vengono scoperti dalla NASA. Recente, infatti, è la scoperta di Psyche 16 attribuita all’Agenzia Spaziale. Stando ad alcuni studi effettuati su questo corpo estraneo che, al momento, si trova tra Giove e Marte, pare che sia composto da un’ingente quantità di oro che, secondo alcuni, potrebbe risolvere il problema economico relativo alla “fame nel mondo” in […]

Hubble ha scoperto un buco nero circondato …

Hubble ha scoperto un buco nero circondato da un disco che non dovrebbe esistere Il Telescopio Spaziale Hubble, gestito dalla NASA ed ESA, in una delle recenti missioni ha scovato un buco nero circondato da un disco di materiale che, secondo quanto affermato, non dovrebbe essere presente. Il tutto nel cuore della galassia a spirale NGC 3147, che si trova a 130 milioni di anni luce dalla Terra. La presenza di quello che viene descritto come un “disco di materia” ha sorpreso gli astronomi, che si aspettavano un buco nero “affamato”, il che ha messo in discussione l’intera teoria. Le […]

Flyeye, una sentinella per il rischio asteroidi

Flyeye, una sentinella per il rischio asteroidi Presentato ieri da Esa, Asi e Ohb Italia, grazie al suo occhio composito – come quello di una mosca – intercetterà dalla cima di Monte Mufara le minacce provenienti dal cielo. È il primo al mondo con questa configurazione, brevettata da tre scienziati fra i quali Roberto Ragazzoni dell’Istituto nazionale di astrofisica. Il sito è stato prescelto dall’Esa grazie anche alle efficienti infrastrutture presenti nel Parco astronomico delle Madonie – un investimento promosso dal comune di Isnello (PA) e sostenuto dal Miur Ricordate l’asteroide caduto sui cieli di Chelyabinsk il 15 febbraio 2013? […]

Ufologi accusano NASA (di nuovo): Curiosity …

Ufologi accusano NASA (di nuovo): Curiosity non è su Marte ! Gli esperti di ufologia hanno trovato su uno scatto del Curiosity uno strano oggetto volante e sostengono che il rover in realtà si trovi sulla Terra. Il rover Curiosity della NASA solca i territori del Pianeta Rosso fin da agosto 2012, mandando regolarmente alla Terra nuove fotografie e dati e trovandosi spesso al centro dell’attenzione in società. Tra i meriti del programma, la scoperta su Marte di un meteorite, metano, derivati del boro, fonti di molecole organiche, argilla, tracce di un antico lago, oltre alle ricerche svolte sul cratere […]

Una sentinella europea per oggetti interstellari

Una sentinella europea per oggetti interstellari Una missione appena annunciata dall’Agenzia spaziale europea, che dovrebbe essere lanciata nel 2028, attenderà nello spazio il prossimo oggetto “alieno” in transito nel sistema solare con l’obiettivo di studiarlo …………… di: Jonathan O’Callaghan/Scientific American Fonte: https://www.lescienze.it/news/2019/07/10/news/intercettore_europeo_comete_oggetto_interstellare-4474984/

Marte, scoperti migliaia di giovani vulcani …

Marte, scoperti migliaia di giovani vulcani di fango Su Marte, nella zona di Arcadia Planitia, un’ampia regione delle pianure del nord del pianeta, scoperta un’area di 12.000 km2 con migliaia di vulcani di fango, cioè edifici di emissione prodotti dalla risalita di acqua, sedimenti e gas anziché dall’emissione di lave. La scoperta, pubblicata su Scientific Reports di Nature Research dal team dell’Università di Padova coordinato dalla dottoressa Barbara De Toffoli del dipartimento di Geoscienze, rimette in discussione l’attività finora ipotizzata del pianeta e apre un nuovo scenario su quanta acqua sia in effetti rimasta nelle profondità del pianeta. La produzione […]

Scoperta la fonte di un lampo radio …

Scoperta la fonte di un lampo radio veloce isolato Una schiera di 36 avanzatissimi radiotelescopi ha individuato per la prima volta l’origine di un singolo lampo radio veloce durato pochi millisecondi: è una galassia che si trova a 3,6 miliardi di anni luce di distanza da noi Per la prima volta è stata individuata con precisione la fonte di un lampo radio veloce non ripetitivo: FRB 180924, questa è la sigla con cui è indicato, ha avuto origine in una regione situata a 13.000 anni luce dal centro di una galassia distante circa 3,6 miliardi di anni luce da noi. […]

No, i buchi neri non sono quegli implacabili …

No, i buchi neri non sono quegli implacabili divoratori cosmici che tutti credono Sfatiamo uno dei più radicati luoghi comuni sui buchi neri Non ci sono classi di oggetti nel nostro Universo più estreme dei buchi neri. Con così tanta massa presente in un così piccolo volume di spazio, creano attorno a loro una regione dove la curvatura dello spazio è così forte che nulla, nemmeno la luce, può sfuggire dalla sua gravità una volta attraversato un certo confine. Quel confine è conosciuto come “orizzonte degli eventi“, e qualsiasi cosa attraversi l’orizzonte degli eventi non ne uscirà mai. Queste conoscenze […]

Il cianuro trasportato dai meteoriti potrebbe …

Il cianuro trasportato dai meteoriti potrebbe avere originato la vita sulla Terra Un asteroide che ha trasportato cianuro potrebbe avere innescato i meccanismi biologici che hanno originato la vita. Il cianuro trasportato dagli asteroidi potrebbe avere svolto un ruolo cruciale nello sviluppo di creature viventi La scienza non ha ancora raggiunto certezze sull’origine della vita. Si sta ancora cercando di capire in che modo la natura riesce a creare le catene di molecole più complesse che sono più vicine a quelle che costituiscono gli esseri viventi come si legge su un articolo pubblicato sul sito Astronomy. Più queste molecole si […]

La missione Comet Interceptor di ESA visiterà …

La missione Comet Interceptor di ESA visiterà una cometa ancora da scoprire Il 19 giugno scorso ESA ha annunciato di aver scelto Comet Interceptor, una sonda multipla destinata allo studio di una cometa dinamicamente nuova, come payload secondario che accompagnerà la missione ARIEL nel suo volo programmato per il 2028. Una missione “veloce” Nel gergo dell’agenzia spaziale europea si tratta di una “missione di classe F”, dove “F” sta per fast, veloce. La rapidità riguarda il tempo di implementazione (dalla selezione al via libera al lancio non devono trascorrere più di 8 anni) e porta con sé una serie di […]

Encelado, il satellite di Saturno, sembra essere …

Encelado, il satellite di Saturno, sembra essere il luogo migliore per ospitare la vita Una nuova ricerca degli scienziati planetari dell’Università di Washington ha constatato che Encelado, il sesto satellite naturale di Saturno per grandezza, ha probabilmente le più alte concentrazioni conosciute di anidride carbonica e idrogeno, con un pH simile al quello della Terra. Ed è quindi il luogo migliore (conosciuto) per ospitare la vita. La presenza di concentrazioni così elevate di questi elementi potrebbero fornire il combustibile per i microbi, ha affermato il ricercatore capo Lucas Fifer dell’Università di Washington. Encelado è un piccolo mondo oceanico di circa […]

Universo a tre dimensioni e vita bidimensionale

Universo a tre dimensioni e vita bidimensionale Le reti neurali 2D potrebbero supportare il comportamento complesso degli esseri viventi In uno studio recente, condotto da un team internazionale di fisici, si spiega perché il nostro universo è a tre dimensioni. Poco dopo la sua nascita, avvenuta circa 13,8 miliardi di anni fa lo spazio tempo era colmo di nodi composti da “fili di energia flessibili”. Questi strani fili di energia vengono chiamati dagli scienziati tubi di flusso, e andavano a collegare le prime particelle elementari. Questi tubi di flusso, composti per la maggior parte da quark, erano tenuti insieme da […]

Osservata una “onda anomala” che viene dalla Galassia …

Osservata una “onda anomala” che viene dalla Galassia di Andromeda Probabilmente è stata prodotta dalla polvere in rapida rotazione nella galassia stessa. L’osservazione grazie al radiotelescopio Srt in Sardegna MILANO – Un”onda anomala’ proveniente dalla Galassia di Andromeda, e probabilmente prodotta dalla polvere in rapida rotazione nella galassia stessa, è stata rilevata nelle microonde dal Sardinia Radio Telescope (Srt), il radiotelescopio sardo di 64 metri gestito dall’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf). I suoi dati, pubblicati su Astrophysical Journal Letter, sono stati analizzati da un gruppo internazionale guidato dal Dipartimento di Fisica dell’Università Sapienza di Roma, a cui hanno partecipato anche […]

Incidente galattico per la Via Lattea

Incidente galattico per la Via Lattea Un gruppo di scienziati sostiene che la collisione della galassia nana Antlia 2 con la Via Lattea sia responsabile delle increspature che la nostra galassia presenta nella parte esterna del suo disco. Le prove sono nella seconda release dei dati di Gaia e i ricercatori coinvolti nella scoperta avevano previsto l’esistenza della galassia coinvolta nello scontro dieci anni fa Recentemente sono state trovate le prove di un incidente galattico avvenuto tra la nostra galassia e una galassia nana chiamata Antlia 2. Sukanya Chakrabarti, del Rochester Institute of Technology, ritiene che questo scontro sia responsabile […]

Marte: una scoperta incredibile sbalordisce …

Marte: una scoperta incredibile sbalordisce l’umanità intera Mars Reconnaissance Orbiter ha scoperto un nuovo cratere su Marte che ha catturato l’attenzione di tutti; ecco cosa hanno scoperto gli scienziati. La sonda spaziale polifunzionale della Nasa ha scattato un fotografia in cui si rileva un nuovo cratere marziano; la foto scattata utilizzando l’ultimo esperimento scientifico di imaging ad alta risoluzione (HiRISE), risale al 17 Aprile 2019 da un’altitudine di 255 chilometri (158 miglia). Secondo le ricerche effettuate, si è formato tra Settembre 2016 e Febbraio 2019 e il nuovo cratere si trova nella regione di Valles Marineris, molto vicino all’equatore; purtroppo […]

Ecco dove Euclid studierà l’universo profondo

Ecco dove Euclid studierà l’universo profondo Gli scienziati del Consorzio Euclid (tra cui anche alcuni dell’Inaf) hanno selezionato tre zone estremamente scure del cielo che saranno oggetto delle osservazioni più profonde della missione, allo scopo di esplorare oggetti deboli e rari nell’Universo. La posizione degli Euclid Deep Fields – uno nel cielo nord e due nel cielo sud – è stata annunciata la scorsa settimana Con il lancio programmato nel 2022, una volta nello spazio la missione Euclid esaminerà una porzione significativa del cielo indagando gli ultimi dieci miliardi di anni della nostra storia cosmica. La più grande parte delle […]

Misteriosa ed enorme massa di materiale …

Misteriosa ed enorme massa di materiale individuata sotto il più grande cratere della Luna Una misteriosa massa di cui non si conosce la costituzione né l’origine è stata individuata sotto il più grande cratere della Luna. Lo studio, condotto da ricercatori della Baylor University, descrive infatti la presenza di una grande massa di materiale sconosciuto sotto il cratere Aitken, situato nei pressi del polo sud della luna. Questo un materiale, che potrebbe essere caratterizzato anche dalla presenza di metalli provenienti da asteroidi che hanno impattato in questa regione nel passato, ha una massa cinque volte più grande di quella di […]

Guida ai pianeti più strani dell’Universo, …

Guida ai pianeti più strani dell’Universo, dal più oscuro al più caldo Qual è il pianeta più caldo mai osservato? O magari il più oscuro dell’Universo? Non è una guida per autostoppisti, ma per soddisfare la vostra curiosità. L’Universo è un posto tanto affascinante quanto misterioso. La parte osservabile del cosmo ha un diametro di circa 92 miliardi di anni luce e in questo spazio, quasi infinito e in continua espansione, riposano un quadrilione di corpi celesti. La continua osservazione di questo spazio apparentemente infinito ci ha sempre dato più domande che risposte, ma anche certezze e verità. Secondo alcune […]

La grande macchia rossa di Giove …

La grande macchia rossa di Giove si sta restringendo Le nuove immagini della più grande tempesta del Sistema Solare La più grande tempesta del Sistema Solare si sta calmando. La grande macchia rossa di Giove si sta infatti progressivamente riducendo, come dimostra il video realizzato da Marco Vedovato, che lavora nel progetto internazionale Jupos, il più grande archivio digitale al mondo su Giove, che raccoglie più di 1 milione di dati, comprese immagini e disegni dei secoli passati, e fa parte dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). La grande macchia rossa è un’enorme vortice anticiclonico di Giove, talmente grande da contenere, almeno […]

Un misterioso e gigantesco proiettile ha lasciato …

Un misterioso e gigantesco proiettile ha lasciato un buco fra le stelle della Via Lattea Incrociando i dati della missione Gaia dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con quelli di un telescopio piazzato in Arizona, l’astrofisica Ana Bonaca ha scoperto un misterioso e gigantesco buco nel flusso stellare GD-1. Poiché non esistono stelle con una massa tale da creare una simile voragine e c’è solo un buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea, Sagittarius A*, il responsabile potrebbe essere un globo di materia oscura. Un misterioso e gigantesco proiettile “celeste” ha colpito un flusso stellare nella nostra galassia, lasciando al suo […]

Una gigantesca eruzione stellare Avvenuta …

Una gigantesca eruzione stellare Avvenuta a 450 anni luce dalla Terra Osservata con un dettaglio senza precedenti una potentissima eruzione stellare, quella della stella Hr 9024, distante 450 anni luce dalla Terra. L’eruzione è stata accompagnata da un intenso lampo di raggi X, seguito dall’espulsione di una gigantesca bolla di plasma (Cme o Coronal Mass Ejection). Il risultato, descritto sulla rivista Nature Astronomy, si deve al gruppo guidato da Costanza Argiroffi, dell’Università di Palermo e dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). La scoperta conferma che le bolle di plasma vengono prodotte anche in stelle attive e apre la possibilità di studiare […]

Il mistero dei pianeti intermedi

Il mistero dei pianeti intermedi Gli astronomi sono sconcertati dalla scarsità nella galassia di pianeti che abbiano dimensioni comprese tra 1,5 e due volte quelle della Terra. Questa lacuna potrebbe essere dovuta a un campione statistico ancora insufficiente oppure potrebbe suggerire alcuni scenari per la formazione planetaria. Dopo la formazione del Sole, polveri e gas lasciati dalla sua nube natale hanno lentamente iniziato a muoversi in vortice fino a formare gli otto pianeti di oggi. Gli oggetti rocciosi, più piccoli, fluttuavano nelle vicinanze del Sole mentre giganteschi mondi gassosi restavano nelle zone più remote del sistema. Una versione di questo […]

Come finirà l’universo ?

Come finirà l’universo ? Come finirà l’universo? “Non con un botto ma con un gemito“, scrisse il poeta americano TS Eliot riguardo alla fine del mondo. Ad una risposta più elaborata, i fisici hanno dedicato innumerevoli ore e hanno sistemato in modo ordinato le ipotesi più plausibili in poche categorie. “Nei libri di testo e nella classe di cosmologia, apprendiamo che ci sono fondamentalmente tre futuri possibili per l’universo“, spiega Robert Caldwell, cosmologo presso la Dartmouth University di Hanover, nel New Hampshire. In uno degli scenari prevedibili, il cosmo potrebbe continuare ad espandersi per sempre, con tutta la materia che […]

Quando la Luna se ne andrà

Quando la Luna se ne andrà Non che esattamente si tratti di una novità, è da sempre che si allontana da noi. La scienza però solo in tempi recenti è riuscita a misurare correttamente il fenomeno e quantificarlo. Tranquilli però, c’è ancora tempo per i chiari di Luna prima che ci lasci, c’è anche tutto il tempo per fantasticare su cosa accadrà poi. 4 centimetri all’anno circa, di tanto la distanza aumenta. Come lo sanno? Ci sono tre prismi sul nostro satellite lasciati dalle missioni Apollo e dagli anni ’70 è attivo l’esperimento Lunar Laser Ranging che prevede una misurazione […]

I tremori dell’era Apollo rivelano una Luna …

I tremori dell’era Apollo rivelano una Luna dinamica e attiva I terremoti lunari continuano a scuotere e rimodellare la superficie del nostro satellite naturale in modi che potrebbero rappresentare una minaccia per futuri astronauti e insediamenti. Il 12 dicembre 1972, Gene Cernan parcheggiò la sua moon buggy nella parte sud orientale del Mare della Serenità, in una valle chiamata Taurus-Littrow. In lontananza si profilava una collina grigia chiamata Massiccio Nord. Verso occidente c’era una ripida scarpata, soprannominata Scarpata Lee-Lincoln: si trattava di una frana, che formava una sorta di muretto attraverso la valle, come un’escrescenza sul terreno lunare. Cernan e […]

Espansione dell’universo: cos’è lo spostamento …

Espansione dell’universo: cos’è lo spostamento verso il rosso? Addentriamoci nell’interessante mondo della cosmologia affrontando uno degli argomenti più interessanti e più discussi: il cosiddetto “redshift”. Il concetto di “universo in espansione” potrebbe apparire in prima analisi un discorso assai distante dai meccanismi celesti e dalle ben più note ricerche cosmologiche condotte negli ultimi anni. Questo straordinario fenomeno fisico è tanto affascinante quanto misterioso, e ancora molti sono gli aspetti che risultano poco chiari o ancora da approfondire. Tra i tanti aspetti che caratterizzano questa manifestazione fisica, ve n’è uno che tante volte è riassunto con un termine spesso associato all’intero […]

I test delle micronavi stellari a propulsione laser

I test delle micronavi stellari a propulsione laser una parte del sistema che, in teoria, potrebbe arrivare fino ad Alpha Centauri in una ventina di anni (anziché molte migliaia). All’Università della California di Santa Barbara un team di ricercatori dell’Experimental Cosmology Group ha preso molto seriamente l’idea di Stephen Hawking di sviluppare una tecnologia per micronavi spaziali a propulsione laser capaci di raggiungere altri sistemi stellari in tempi umani. Il gruppo, coordinato dall’astrofisico Philip Lubin, lavora a una missione interstellare affidata a micronavi spaziali capaci di raggiungere velocità relativistiche, cioè frazioni significative delle velocità della luce, grazie alla spinta laser […]

Ghiaccio nero e caldo è così l’acqua …

Ghiaccio nero e caldo è così l’acqua più comune in natura Un nuovo esperimento ha confermato l’esistenza di “ghiaccio superionico”, una bizzarra forma dell’acqua prevista una trentina di anni fa e che potrebbe trovarsi nel nucleo della maggior parte dei giganteschi pianeti ghiacciati che popolano l’universo. Di recente, al Laboratory for Laser Energetics di Brighton, nello S tato di New York, uno dei laser più potenti del mondo ha colpito una goccia d’acqua, creando un’onda d’urto che ha aumentato la pressione dell’acqua a milioni di atmosfere e la sua temperatura a migliaia di gradi. I raggi X che si propagavano […]

Onde e sismi sulle stelle supergiganti blu

Onde e sismi sulle stelle supergiganti blu La superficie di queste stelle è increspata da onde di gravità, simili a quelle del mare, e da onde sismiche. Questo scenario, già previsto dai modelli teorici, è stato confermato per la prima volta grazie all’analisi dei dati registrati dalle missioni spaziali TESS e K2 della NASA. Quella delle stelle supergiganti blu è una vita all’estremo. Sono gli astri più brillanti e caldi dell’universo, poiché raggiungono temperature tra 20.000 e 50.000 kelvin. Sono anche stelle enormi e massicce: hanno raggi superiori a 25 volte il raggio del Sole e masse tra 10 e […]

Cristalli stellari

Cristalli stellari “Lucy in the sky with diamonds”, famosa canzone dei Beatles fece nascere parecchie controversie a causa del suo titolo, che venne interpretato come un’allusione all’LSD. Secondo questa teoria, l’acronimo del titolo della canzone si riferirebbe alla sopracitata droga (le iniziali dei sostantivi presenti nel titolo sono infatti L, S, D). Lennon, invece, raccontò che l’ispirazione per il titolo gli venne da un disegno di suo figlio Julian. Nel disegno infatti, si vede una compagna di classe di Julian che vola in un cielo pieno di diamanti. Questa canzone venne citata anche in un racconto di fantascienza scritto da […]

Un lungo corridoio di ghiaccio su Titano

Un lungo corridoio di ghiaccio su Titano La quantità di dati sul sistema di Saturno forniti dalla missione Cassini non finiscono di meravigliare i ricercatori. Continua, quindi, l’analisi dei dati ricevuti dalla missione Cassini, che nel 2005 sganciò una sonda indipendente, la Huygens, che attraversò l’atmosfera di una luna di Saturno, Titano, fino a poggiarsi sulla superficie, inviando durante la discesa un’enorme quantità di dati rilevati dai suoi sensori, dati che uniti a quelli rilevati dallo spazio dalla sonda Cassini non finiscono, ancora oggi, di riservare scoperte sorprendenti. Pochi giorni fa abbiamo saputo che Titano è una grande luna atmosfericamente […]

Registrata potente tempesta elettromagnetica …

Registrata potente tempesta elettromagnetica sulla Terra Sulla Terra è iniziata la tempesta geomagnetica più potente degli ultimi due anni legata all’incremento dell’attività solare. L’influenza di quest’ultima porta all’apparizione dell’aurora boreale, interferenze nelle comunicazioni radio e a un peggioramento del benessere degli esseri umano, riporta Sputnik Secondo Sergey Bogachev, ricercatore presso il Laboratorio di Astronomia a raggi X del Sole FIAN, la potenza della tempesta raggiunge i tre punti su una scala di cinque con una conseguente influenza sugli umani, gli animali, apparecchi elettrici e di navigazione. Queste tempeste possono raggiungere una potenza massima di cinque punti su cinque. Questa perturbazione […]

Marte: la gigantesca tempesta di sabbia …

Marte: la gigantesca tempesta di sabbia ha spazzato via anche l’acqua? L’enorme tempesta di sabbia che aveva interessato Marte nel corso dell’ultimo anno è stata fatale per Opportunity: il rover della NASA, dopo aver operato per quasi quindici anni sul pianeta rosso superando qualsiasi aspettativa, aveva perso i contatti con la Terra all’inizio di giugno 2018, dopo essere entrato in stand-by nella speranza di rivedere presto il Sole da cui traeva l’energia necessaria a mantenersi attivo. Purtroppo, come tutti ben sanno, non è andata così: a febbraio 2019 la NASA ha dovuto ammettere la fine della missione, e a marzo […]

Complessità sull’orizzonte

Complessità sull’orizzonte Leonard Susskind, fisico teorico presso la Stanford University in California, è stato a lungo uno dei leader negli sforzi per unificare la meccanica quantistica con la teoria generale della relatività. La ricerca per la teoria unificata lo ha portato a sostenere idee contro-intuitive, come la teoria delle superstringhe o il concetto che il nostro universo tridimensionale sia in realtà un ologramma bidimensionale. Ma ora è parte di un piccolo gruppo di ricercatori che litigano per una nuova e altrettanto strana idea: che la chiave di questa misteriosa teoria del tutto è da ricercarsi nel ramo della scienza informatica […]

Elettricità generata dal freddo dell’Universo …

Elettricità generata dal freddo dell’Universo con un dispositivo sperimentale: come funziona E’ possibile raccogliere energia dal freddo Universo per produrre elettricità sulla Terra? Sembrerebbe di sì grazie ad un nuovo dispositivo sperimentale che funziona al contrario rispetto ai pannelli solari. Vediamo insieme come gli scienziati siano riusciti a produrre elettricità direttamente dall’Universo. Partendo dal presupposto che lo svantaggio dei pannelli solari è che richiedono la luce solare per generare elettricità, gli scienziati hanno scoperto la possibilità di creare un dispositivo che, posto di fronte allo spazio terrestre, riesce a raccogliere energia da portare sulla Terra utilizzando lo stesso tipo di […]

Blue Origin: atteso per oggi un misterioso annuncio …

Blue Origin: atteso per oggi un misterioso annuncio relativo alla Luna Blue Moon è ufficiale: il misterioso tweet ne aveva anticipato l’annuncio, e ora il lander lunare di Jeff Bezos diventa realtà, pronto a toccare il suolo del nostro satellite naturale. “E’ tempo di tornare sulla Luna e, questa volta, di restarci”, ha dichiarato un entusiasta CEO di Blue Origin nel corso di un evento a numero chiuso tenutosi a Washington. L’intenzione è quella di di costruire le prime infrastrutture in superficie sfruttando la minore gravità: lavorare sulla Luna “richiede 24 volte meno energia per rimuovere le risorse dalla superficie […]

Via Lattea piena di “mondi d’acqua”: …

Via Lattea piena di “mondi d’acqua”: vita nell’Universo sempre più probabile Avvalendosi di apposite simulazioni al computer, elaborate grazie ai dati raccolti dal Telescopio Spaziale Kepler e dalla missione Gaia, un team di ricerca internazionale ha determinato che la nostra galassia è piena di “mondi d’acqua”. Sarebbero circa mille sui 4mila pianeti extrasolari individuati da Kepler. Vita aliena sempre più probabile. Degli oltre 4mila esopianeti intercettati dal Telescopio Spaziale Kepler, andato in “pensione” alla fine del 2018, circa un migliaio sarebbero mondi d’acqua, cioè ricchissimi del prezioso elemento, che si troverebbe sulla loro superficie in forma liquida o solida (ghiaccio), […]

Questa è l’immagine dell’Universo …

Questa è l’immagine dell’Universo più dettagliata di sempre Arriva oggi l’immagine più dettagliata e ampia dell’Universo, ottenuta dalla combinazione di osservazioni raccolte dal telescopio Hubble durante 16 anni. L’immagine riprende circa 265mila galassie, inclusa la loro evoluzione, in una sorta di “libro dell’Universo” L’Universo non ha (quasi) più segreti. Oggi arriva l’immagine più ampia, profonda e completa mai ottenuta del cosmo, realizzata dagli scienziati della Nasa, dell’Esa e di vari enti di ricerca grazie alle osservazioni del telescopio spaziale Hubble durante ben 16 anni. Siamo davanti al ritratto più dettagliato e vasto di tutto l’universo conosciuto, che include 265mila galassie […]

Usare gli asteroidi per misurare le stelle

Usare gli asteroidi per misurare le stelle Grazie a queste osservazioni gli esperti hanno determinato il diametro della stella con la misura angolare più piccola mai realizzata. Utilizzati i quattro grandi telescopi Veritas Misurare le stelle usando gli asteroidi? È possibile, secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori guidati da Tarek Hassan del Desy e Michael Daniel dello Smithsonian Astrophysical Observatory (Sao) e pubblicato su Nature Astronomy. I dati provengono dal Very Energetic Radiation Imaging Telescope Array System (Veritas) e hanno rivelato il diametro di una stella a 2674 anni luce da noi e quello di una stella […]

Il bosone di Higgs e l’universo metastabile

Il bosone di Higgs e l’universo metastabile Lo stato fondamentale dell’Universo dipende dal potenziale del campo di Higgs. Se l’universo sta nel minimo globale del potenziale (un “vero” stato di vuoto), allora è stabile. Ma se il minimo è locale ed esiste un minimo più profondo, il vuoto è “falso”, e l’universo potrebbe catastroficamente cadere nel vero stato di vuoto. Una nuova analisi teorica da Alexander V. Bednyakov, dell’Istituto congiunto per la ricerca nucleare di Dubna, in Russia, conclude che se il modello standard è corretto, i valori misurati di determinati quantitativi, come ad esempio la massa del bosone di […]

Il disaccordo sulla costante di Hubble …

Il disaccordo sulla costante di Hubble che mette in crisi la cosmologia La discrepanza tra due diverse stime del valore della costante che esprime il tasso di espansione dell’universo – una difformità rafforzata di recente da nuove e più precise osservazioni – potrebbe costringere i ricercatori a rimettere in discussione il modello standard della cosmologia. Un’annosa disputa sulla velocità con cui il nostro universo si sta espandendo è diventata ancora più radicale. Nuove e più precise misurazioni di stelle nella Grande Nube di Magellano, una galassia satellite della Via Lattea, hanno infatti rafforzato le differenze tra due metodi indipendenti di […]

Misteriosa esplosione cosmica: astronomi perplessi

Misteriosa esplosione cosmica: astronomi perplessi Un misterioso lampo di raggi X è stato psservato nel 2017 dal Chandra X-ray Observatory della NASA con l’immagine più profonda a raggi X mai ottenuta. Questa sorgente probabilmente deriva da una sorta di evento distruttivo, ma può essere di una varietà che gli scienziati non hanno mai visto prima. La sorgente di raggi X, si trova in una regione del cielo nota come Chandra Deep Field-Sud (CDF-S) ed ha notevoli proprietà. Prima di ottobre 2014, questa sorgente non è stata rilevata in raggi X, poi è scoppiata ed è diventata luminosa di almeno un […]

Il Sole e il mistero dei raggi gamma

Il Sole e il mistero dei raggi gamma I raggi gamma – la luce di energia più elevata – emessi dalla nostra stella sono sette volte più abbondanti di quanto atteso, e presentano un “buco” in un certo intervallo di frequenze. Queste caratteristiche, evidenziate dalle osservazioni del telescopio spaziale Fermi della NASA, indicano che c’è ancora del lavoro da fare per capire il comportamento del campo magnetico del Sole, ma potrebbero anche nascondere una fisica del tutto nuova. Un decennio di osservazioni astronomiche del Sole ha rivelato un mistero sorprendente: i raggi gamma, le onde di luce di più alta […]

Onde gravitazionali, in aprile una valanga …

Onde gravitazionali, in aprile una valanga di segnali Il più misterioso è del 26, si cerca conferma in tutto il mondo Una valanga di segnali sulle onde gravitazionali: riaccesi il primo aprile, i rivelatori Ligo e Virgo hanno raccolto finora ben cinque ‘cinguettii’. Di questi, tre sono generati da collisioni di buchi neri, un quarto è stato intercettato il 25 aprile e potrebbe essere nato dalla collisione di due stelle di neutroni; il quinto, del 26 aprile, potrebbe essere il primo nato dalla collisione fra un buco nero e una stella di neutroni. La conferma potrà arrivare solo da nuove […]

Space X ha lanciato una capsula Dragon …

Space X ha lanciato una capsula Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale Questa mattina è stata lanciata nello Spazio una capsula realizzata dalla SpaceX di Elon Musk: la capsula Dragon dovrebbe raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale il 6 maggio. Per la capsula – partita da Cape Canaveral, in Florida – si tratta del secondo viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il lancio è stato effettuato quando in Italia erano le 9 di mattina, dopo che negli ultimi giorni c’erano stati alcuni rinvii. La capsula porterà alla Stazione Spaziale Internazionale 2.500 chilogrammi di materiali e rifornimenti di vario tipo. Fonte:

Lo scenario ipotetico di un asteroide verso la Terra…

Lo scenario ipotetico di un asteroide verso la Terra nelle esercitazioni di ESA e NASA Dal 29 aprile al 3 maggio prossimi, la NASA, l’ESA e le agenzie di protezione civile di alcuni paesi, condurranno un’esercitazione simulando la reazione ad un imminente impatto di un asteroide sul suolo terrestre. Per la prima volta, l’Agenzia Spaziale Europea documenterà l’esercitazione dal vivo sui social network. Ogni due anni, gli esperti di asteroidi di tutto il mondo si riuniscono per simulare cosa succederebbe nel caso di un imminente impatto asteroidale sulla Terra, fittizio ma plausibile. Durante la ricostruzione dello scenario, della durata di […]

Meteorite cade in Costa Rica: colpite in pieno…

Meteorite cade in Costa Rica: colpite in pieno delle abitazioni, danni ingenti Meteorite cade in Costa Rica, danni ad alcune abitazioni. Meteorite: cos è Il meteorite è ciò che rimane dopo l’ablazione atmosferica di un meteoroide entrato in collisione con la Terra. Quando entrano nell’atmosfera i meteoroidi si riscaldano fino ad emettere luce, formando così una scia luminosa chiamata meteora o bolide. Abbiamo spesso riportato della caduta o dell’esplosione di meteoriti nelle ultime settimane, in particolare negli USA. Meteorite negli USA Tempo fa avevamo riportato la caduta di un meteorite nei pressi di Cuba. Il meteorite aveva colpito soprattutto la […]

Rilevate onde gravitazionali di un buco nero …

Rilevate onde gravitazionali di un buco nero che divora stella di neutroni Gli osservatori LIGO e Virgo hanno intercettato le onde gravitazionali di quello che è un evento che molti astronomi aspettavano da tempo: un buco nero che divora una stella di neutroni. Qualora questo evento fosse confermato (gli astronomi stanno ancora analizzando i dati per ora e si spera di osservare questo evento anche ad altre lunghezze d’onda), l’intercettazione risulterebbe la prima prova dell’esistenza di un sistema binario composto da un buco nero e una stella di neutroni, un sistema in cui, naturalmente, la parte del leone è fatta […]

Luna: alla scoperta del lato nascosto

Luna: alla scoperta del lato nascosto A 50 anni di distanza dalla prima, storica missione che ha visto l’uomo mettere piede sulla Luna, l’interesse per il satellite naturale del nostro pianeta non è venuto meno. Anzi, negli ultimi mesi si è registrato un crescendo di notizie, missioni e proposte: lo scorso settembre, SpaceX aveva conquistato le prime pagine dei giornali annunciando di aver venduto il primo biglietto per la Luna. A presentare il fortunato acquirente era stato lo stesso CEO della compagnia aerospaziale, Elon Musk: si tratta di Yusaku Maezawa, miliardario fondatore di ZoZotown, uno dei principali siti di vendite […]

Questo è il primo terremoto marziano mai sentito

Questo è il primo terremoto marziano mai sentito (forse) Lo ha rilevato il robot InSight sul suolo del pianeta, ora i ricercatori della NASA stanno cercando conferme per escludere altre cause InSight, il lander della NASA che dallo scorso novembre si trova su Marte, ha rilevato il primo probabile terremoto marziano mai registrato nella storia dell’esplorazione del pianeta. La scossa, rilevata da uno dei suoi strumenti principali, è stata troppo debole per fornire informazioni utili sulla composizione rocciosa di Marte, ma ha permesso ai ricercatori di verificare il funzionamento della sonda e dà speranze sulla possibilità di rilevare nuovi terremoti […]

Astronomia: scoperto frammento di una cometa …

Astronomia: scoperto frammento di una cometa nel cuore di un meteorite Scoperto il grano di una cometa nel cuore di un meteorite: il frammento incastonato nel “sasso spaziale” racconta la storia del Sistema Solare Ricercatori coordinati da Larry Nittler, della Carnegie Institution for Science, hanno scoperto il grano di una cometa nel cuore di un meteorite: il frammento incastonato nel “sasso spaziale” racconta la storia del Sistema Solare. Su “Nature Astronomy” gli esperti hanno spiegato che il frammento, che misura circa un decimo di millimetro di diametro, è stato individuato nel meteorite La Paz Icefield 02342, scoperto nell’omonima banchisa in […]

Alla radice degli scatti della magnetosfera

Alla radice degli scatti della magnetosfera Le modifiche del campo magnetico terrestre che avvengono sulla scala temporale degli anni e interessano la regione equatoriale, dette jerks geomagnetici, sono generate dall’interazione fra i lenti movimenti convettivi nel nucleo della Terra e un particolare tipo di onde sviluppate dal movimento degli ioni metallici al suo interno La spiegazione di enigmatici improvvisi cambiamenti nel campo magnetico terrestre è stata ottenuta da due ricercatori – Julien Aubert dell’Institut de Physique du Globe di Parigi e Christopher C. Finlay, della Technical University of Denmark a Lyngby – che illustrano il loro studio in un articolo […]

Rilevatore di materia oscura intercetta …

Rilevatore di materia oscura intercetta l’evento più raro mai registrato Può essere considerato come l’evento più raro dell’universo, almeno tra quelli conosciuti, quello registrato dai ricercatori che lavorano a 1500 metri sotto le montagne del Gran Sasso in Italia. Qui si trovano i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN e fra le varie strumentazioni, perlopiù rilevatori di particelle, ce n’è uno denominato XENON1T, che contiene una sezione cilindrica riempita con xeno liquido schermato dai raggi cosmici tenuto ad una temperatura di -95 °C. Questo rilevatore è stato costruito con la speranza di intercettare la materia oscura registrando la sua eventuale […]

Le stelle nane di tipo M potrebbero impedire …

Le stelle nane di tipo M potrebbero impedire la nascita della vita sui loro pianeti La scoperta che esistono migliaia e migliaia di pianeti extrasolari ha fatto nascere numerose domande sul potenziale per la formazione della vita su questi pianeti. Il primo e più importante fattore da tenere in considerazione per stabilire l’abitabilità di un pianeta è se possa o meno mantenere un’atmosfera che non venga completamente persa nelle prime fasi della vita del pianeta. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Vienna e dello Space Research Institute dell’ÖAW di Graz ha dimostrato che le giovani stelle possono distruggere […]

Scoperto terzo pianeta nel sistema …

Scoperto terzo pianeta nel sistema con due soli, sono come Tatooine Come Tatooine di Star Wars, è stata scoperta una famiglia di pianeti con due soli: si trova a 3.340 anni luce in direzione della costellazione del Cigno Scoperta assolutamente incredibile quella raccontata dal team dell’università di San Diego, Usa, coordinato da Jerome Orosz sull’Astronomical Journal. E’ stato infatti individuato un sistema di pianeti caratterizzati da due soli, ubicato ad una distanza di 3.340 anni luce in direzione della costellazione del Cigno. La famiglia di pianeti con due soli, proprio come Tatooine di Star Wars, era già nota per via […]

Hubble festeggia con un Granchio

Hubble festeggia con un Granchio Una foto spettacolare della Nebulosa Meridionale del Granchio si aggiunge alla collezione e celebra il ventinovesimo compleanno di Hubble, il telescopio che, in attesa del James Webb telescope, non smette di stupire Era il 24 aprile del 1990. Mentre l’Italia ferveva di preparativi per l’imminente mondiale di calcio, lo shuttle Discovery, per conto della Nasa e dell’Esa, lanciava in orbita il telescopio spaziale Hubble, con uno specchio di 2,4 metri di diametro e dotato di cinque strumenti in grado di osservare nel visibile e, in parte, anche in infrarosso e ultravioletto. Fu una vera rivoluzione […]

Scoperta la prima molecola dell’Universo, …

Scoperta la prima molecola dell’Universo, è a 2600 anni luce da noi e da lei tutto è partito L’istituto Max Planck di radioastronomia ha fatto una scoperta sensazionale. Dopo una lunga campagna osservativa, partita nel 2016, ha trovato la prima molecola dell’Universo. Lo ione idruro di elio è il frutto del primo legame chimico avvenuto 13 miliardi di anni fa, agli albori del cosmo. Fonte:

Il missile che dovrebbe deviare un asteroide …

Il missile che dovrebbe deviare un asteroide diretto contro la Terra La missione varata dalla Nasa si chiama Dart e lo scopo è vedere se si riesce a deviare la traiettoria di un corpo celeste che punta al nostro pianeta. E c’è anche un ruolo dell’Italia L’hanno chiamata missione DART, ovvero Double Asteroid Redirection Test, forse perché chiamarla missione “Armageddon” avrebbe sortito un tetro allarmismo. Si, perché la Nasa, vent’anni dopo l’uscita nelle sale del blockbuster con protagonista Bruce Willis, ha deciso di attrezzarsi proprio per l’eventualità supposta nella pellicola: un asteroide pronto ad entrare in rotta di collisione con […]

Magnetar a 6.6 miliardi di anni luce

Magnetar a 6.6 miliardi di anni luce Un team internazionale di astronomi ha annunciato di aver osservato un segnale a raggi X molto probabilmente originatosi da una magnetar generata dalla fusione di due stelle di neutroni. Il segnale è stato catturato nel corso della 7-Megasecond Chandra Deep Field-South survey. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati su Nature L’11 aprile 2019, un team internazionale di scienziati guidato da Xue Yongquan dell’University of Science and Technology (Ustc) ha annunciato di aver osservato un segnale a raggi X molto probabilmente generato da una magnetar, una stella di neutroni caratterizzata da un enorme […]

Titano e i suoi profondi laghi di metano

Titano e i suoi profondi laghi di metano Nell’emisfero nord del più grande satellite di Saturno ci sono numerosi laghi di metano. L’analisi dei dati raccolti dagli strumenti dalla sonda Cassini durante i 13 anni della sua missione mostra che alcuni sono profondi fino a 100 metri, mentre altri sono superficiali e si prosciugano con il cambio di stagione. Ghiaccio e roccia. Così veniva descritta sommariamente la superficie di Titano, il più grande dei 62 satelliti naturali di Saturno, fino a pochi anni fa. Poi lo strumento RADAR montato sulla sonda Cassini, frutto della collaborazione tra la NASA, l’Agenzia spaziale […]

Nella Via Lattea è stata scoperta una Stella …

Nella Via Lattea è stata scoperta una Stella che non dovrebbe esistere Esistono miliardi di miliardi di stelle in tutto l’Universo, dalle più svariate caratteristiche e dimensioni. Su questo -quasi- infinito numero di stelle è molto probabile trovarne qualcuna dalle caratteristiche particolari. Come nel caso di J0023 + 0307, una piccola stella che “non dovrebbe esistere”. La stella in questione è molto vecchia e sembra non contenere una quantità di carbonio rilevabile, una caratteristica che gli astronomi non affermano sia possibile. In un secondo momento si è scoperto che J0023 + 0307 si sia formata nei primi 300 milioni di […]

Quando i meteoriti si schiantano sulla Luna …

Quando i meteoriti si schiantano sulla Luna fanno fuoriuscire dell’acqua Se pensate che la Luna sia un’ambiente arido e inospitale vi sbagliate. Una nuova ricerca ha svelato che il satellite perde acqua ogni qualvolta viene colpito da una meteora. I risultati aiuteranno gli scienziati a comprendere la formazione dell’acqua sulla Luna, e potrebbe rivelarsi una potenziale risorsa per sostenere operazioni a lungo termine per l’esplorazione spaziale. I modelli avevano previsto che gli impatti dei meteoriti avrebbero potuto rilasciare acqua dalla Luna, ma gli scienziati non avevano ancora osservato il fenomeno. Queste prove sono state confermate (con oltre 33 casi) tramite […]

Prima e dopo la teoria dei buchi neri

Prima e dopo la teoria dei buchi neri Un viaggio nel tempo dalla teoria di Platone a quella di Stephen Hawking: cos’è un buco nero? Perchè sarebbe la chiave per la nascita dell’Universo? Ad ognuno di noi, almeno una volta nella vita, sarà capitato di guardare il cielo durante una notte stellata e limpida e di domandarsi tra sé e sé: chi siamo? Da dove veniamo? Che cosa c’è lassù? Uno sguardo al passato: la teoria prima dei buchi neri L’esistenza di queste domande parte dall’antica Grecia, per l’esattezza tra il V e il IV secondo a.C, quando Platone, per […]

Hayabusa2 crea un cratere artificiale sull’asteroide Ryugu

Hayabusa2 crea un cratere artificiale sull’asteroide Ryugu Un nuovo obiettivo è stato portato a termine dalla navicella giapponese Hayabusa2 che, dopo aver prelevato un campione dalla superficie di Ryugu, è riuscita a creare un cratere artificiale sull’asteroide, operazione portata a termine a fini di studio. L’esperimento nasce con l’intento di capire meglio la formazione dei crateri sugli asteroidi, e per farlo è stato usato un esplosivo in grado di scalfirne la superficie. Come potrete ben immaginare, si è trattato di un’operazione complessa che si è svolta in più fasi: la prima ha riguardato il dispiegamento del SCI (Small Carry-on Impactor) […]

Ottenuta la prima immagine del “toro di polvere” …

Ottenuta la prima immagine del “toro di polvere” intorno a un buco nero Si è riuscita ad ottenere la prima immagine del “toro di polvere”, una ciambella di polvere che circonda uno dei buchi neri supermassicci (conosciuti) più potenti in assoluto, nella radiogalassia Cygnus A. Le radiogalassie sono caratterizzate da un’emissione di onde radio di circa 100 volte rispetto ad una normale. Al centro di Cygnus A, che si trova a 760-800 milioni di anni luce di distanza da noi, si trova un buco nero supermassiccio con massa di circa 2,5 miliardi di Soli. Questo buco nero ha creato intorno […]

Buco nero fotografato per la prima volta nella storia: …

Buco nero fotografato per la prima volta nella storia: ecco la spettacolare immagine Event Horizon Telescope Animated Movie Era stato preannunciato come un evento storico, e così è stato. Le osservazioni effettuate con l’Event Horizon Telescope hanno permesso di ottenere la prima immagine di un buco nero, precisamente dell’orizzonte degli eventi in cui – come ben spiega Repubblica nel suo articolo – “spazio e tempo si accartocciano”. First Image of a Black Hole La foto è una sola (in apertura articolo) e non due come ci si aspettava: niente Sagittarius A* (troppo gas e polvere nella nostra galassia hanno reso […]

Attimi di terrore in Russia, “Sembrava un missile, …

Attimi di terrore in Russia, “Sembrava un missile, un aereo in fiamme, un UFO”: 3ª esplosione di una meteora negli ultimi 4 mesI L’esplosione di una grande meteora sulla Siberia ha gettato nel panico i residenti: la grande luminosità e l’assordante rumore provocato hanno fatto pensare ad un attacco aereo o ad un’invasione aliena. Russia sempre più colpita dalla caduta di rocce spaziali Luminoso e rumoroso con una lunga coda verde e gialla, un oggetto ha solcato i cieli della Russia, facendo temere ai residenti un attacco aereo o un’invasione aliena. Siamo nella regione di Krasnoyarsk e quanto successo ha […]

Da dove viene e Come si è formata la luna

Da dove viene e Come si è formata la luna Ogni teoria che spieghi l’esistenza della Luna deve naturalmente spiegare i seguenti fatti: la bassa densità lunare (3,3 g/cm3) dimostra che non possiede un evidente nucleo di ferro come la Terra. le rocce lunare contengono soltanto poche tracce di sostanze volatili, per esempio l’acqua, che implica un maggiore riscaldamento della superficie lunare rispetto a quella terrestre. le abbondanze relative di isotopi dell’ossigeno sulla Terra e sulla Luna sono identiche, il che suggerisce che la Terra e la Luna si sono formate alla stessa distanza dal Sole. Varie teorie sono state […]

Scoperto un pianeta immortale

Scoperto un pianeta immortale Composto in gran parte di ferro e nichel, orbita a distanza molto ravvicinata – più di quanto si ritenesse possibile – attorno a ciò che resta della stella originaria. Si trova a 410 anni luce da noi, e alla sua scoperta, descritta oggi su Science, hanno preso parte anche due ricercatrici e un ricercatore dell’Istituto Nazionale di AstrofisicaIstituto Nazionale di Astrofisica (INAF) un frammento di pianeta sopravvissuto alla morte della sua stella e contiene elevate quantità di ferro e nichel. Lo ha scoperto – in un disco di detriti formato dai pianeti distrutti durante le ultime […]

La teoria dei buchi neri primordiali …

La teoria dei buchi neri primordiali non c’entra con la materia oscura Esistono tanti misteri che riguardano l’universo, uno di questi riguarda sicuramente la materia oscura, che costituisce circa il 90% della massa presente in esso. La teoria più interessante è che questa materia oscura potrebbe essere composta da minuscoli buchi neri primordiali. In un articolo del 1971, Hawking espose la teoria dei buchi neri primordiali che era stata proposta dagli scienziati Yakov Borisovich Zel’dovich e Igor Dmitriyevich Novikov nel 1966. La teoria afferma che, subito dopo il Big Bang, quando l’Universo venne alla luce, ci sarebbero potute essere regioni […]

Catturata l’immagine di una cometa aliena

Catturata l’immagine di una cometa aliena A 63 anni luce dalla Terra, intorno alla stella Beta Pictoris Una cometa aliena è stata individuata a 63 anni luce dalla Terra. La sua immagine è stata catturata dal telescopio spaziale Tess della Nasa che ha individuato una cometa intorno alla stella vicino alla stella Beta Pictoris, nella costellazione del Pittore. Il risultato è pubblicato sul sito arXiv, che ospita le notizie che non sono ancora passate al vaglio della comunità scientifica, si deve ai ricercatori guidati dall’astrofisico Sebastian Zieba, dell’università austriaca di Innsbruck. La scoperta potrebbe aiutare a capire il ruolo delle […]

La caccia alla materia oscura dell’Universo …

La caccia alla materia oscura dell’Universo si fa realtà Primo raduno di ricercatori nei Laboratori di Fisica del Gran Sasso per lanciare il nuovo esperimento Cosinus L’AQUILA. Si posa la prima pietra di Cosinus, l’esperimento che si occuperà di dare la caccia alla materia oscura, molto abbondante nell’Universo ma che fino a oggi non è stato possibile osservare in modo diretto. Si riuniranno da oggi fino al 3 aprile, nei Laboratori del Gran Sasso dell’istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), tutti i ricercatori coinvolti per progettare l’apparato strumentale necessario all’avvio delle ricerche. Dalle osservazioni astrofisiche si sa che la materia […]

La galassia con il mostro nel cuore

La galassia con il mostro nel cuore   La galassia Ngc 3115, che ospita nelle sue regioni centrali un buco nero con una massa di due miliardi di volte quella del nostro Sole, è uno degli oggetti celesti che caratterizzano il cielo di questo mese. I consigli per osservarla, insieme a costellazioni, pianeti e fenomeni visibili in Italia ad aprile La sua sigla è Ngc 3115, ma è meglio conosciuta come Galassia Fuso, per apparire ai nostri strumenti come un oggetto celeste assai allungato. Distante da noi 32 milioni di anni luce, Ngc 3115 è una galassia di tipo lenticolare, […]

Scoperte due galassie senza materia oscura

Scoperte due galassie senza materia oscura Fino a oggi si conosceva solo Ngc 1502-Df2. Ora lo stesso team di scienziati che aveva firmato l’anno scorso la scoperta non solo la conferma, ma ne aggiunge una seconda: Ngc 1502-Df4. Entrambe galassie ultra diffuse, il moto dei loro ammassi globulari suggerisce che siano fatte esclusivamente – o quasi – di materia barionica Ngc 1052-Df2 e Ngc 1052-Df4 – per brevità, Df2 e Df4 – sono i nomi (speriamo provvisori) di due galassie facenti parte di un ammasso di galassie incentrato su Ngc 1052, galassia principale che si trova nella costellazione della Balena, […]

E’ stato scoperto un esopianeta con tempeste …

E’ stato scoperto un esopianeta con tempeste perenni e nuvole di ferro Nell’ormai lontano 1 novembre 2010 è stato scoperto un nuovo pianeta extrasolare (ovvero un pianeta non appartenente al sistema solare) chiamato HR8799e. La sua bizzarra atmosfera ha però incuriosito gli scienziati che hanno voluto approfondire lo studio. Il pianeta è stato studiato attraverso l’interferometria ottica, lo stesso metodo usato per vedere Sagittarius A*, che combina la luce di diversi telescopi per creare un singolo telescopio “virtuale” di dimensioni maggiori. È la prima volta che un esopianeta è stato studiato con questa tecnica, offrendo ai ricercatori un’immagine 10 volte […]

Onde gravitazionali, riaccesi i rivelatori Virgo e Ligo

Onde gravitazionali, riaccesi i rivelatori Virgo e Ligo Di nuovo in ascolto dell’universo, attese nuove scoperte Onde gravitazionali, da oggi in ascolto dell’universo Sono stati riaccesi i rivelatori di onde gravitazionali: l’americano Ligo, della National Science Foundation, e Virgo dell’Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego), al quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). Entrambi sono tornati ad ascoltare l’universo dopo una lunga pausa tecnica nella quale sono diventati più potenti ed efficienti, al punto da poter osservare il cielo a una distanza doppia e a un volume otto volte superiore rispetto al 2018. Sorgenti ancora più rare Non soltanto […]

Nuovo studio del campo magnetico del sole …

Nuovo studio del campo magnetico del sole ha dato risultati sconcertanti Gli scienziati dicono che le loro scoperte sono essenziali per ottenere una comprensione migliore e più precisa dei processi che avvengono nell’atmosfera del Sole, alcuni dei quali possono influenzare la Terra. I ricercatori della Aberystwyth University in Galles, della Queen’s University di Belfast e di altre università di tutta Europa hanno scoperto che il campo magnetico del Sole è circa dieci volte più potente di quanto si credesse in precedenza. Le scoperte degli scienziati, pubblicate sull’Astrophysical Journal, sono state rese possibili grazie al dottor David Kuridze e alla stretta […]

Marte, confermata la presenza di metano

Marte, confermata la presenza di metano Da italiani, dove lo aveva ‘annusato’ anche il rover Curiosity Confermata la presenza di metano nell’atmosfera di Marte. Le nuove ricerche condotte da un gruppo italiano hanno rilevato la presenza di questo gas, spia della vita come dell’attività geologica, in corrispondenza del cratere Gale, che il rover Curiosity della Nasa sta esplorando e dove nel 2013 aveva rilevato il gas nello punto, più in prossimità della superficie del pianeta. Adesso la scommessa è capire se il metano di Marte sia di origine organica. Pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, il risultato si basa sui dati […]

Buchi neri, grande attesa per la scoperta …

Buchi neri, grande attesa per la scoperta che verrà annunciata il 10 aprile Lo fa sapere la Comunità europea. Conferenze stampa da Bruxelles, Santiago del Cile, Shanghai, Tokyo, Taipei e Washington. L’evento in diretta streaming alle ore 15 SARANNO sei conferenze stampa in contemporanea, – a Bruxelles, Santiago del Cile, Shanghai, Tokyo, Taipei e Washington – il 10 aprile, ad annunciare nuovi traguardi raggiunti dagli astrofisici nello studio dei buchi neri. La comunità scientifica è in attesa di quel che sarà svelato alle 15 (ora italiana), come conferma oggi la Commissione Europea che si prepara a dare l’annuncio da Bruxelles […]

La Luna “danza” col pianeta dell’amore Venere: …

La Luna “danza” col pianeta dell’amore Venere: quando vedere il valzer nel cielo Martedì 2 aprile potremo ammirare una spettacolare congiunzione astrale una sottile falce di Luna e il pianeta Venere, che si incontreranno nel cielo orientale poco prima del sorgere del Sole. I due oggetti celesti, incastonati nella costellazione dell’Acquario, saranno visibili sino alle 7 del mattino circa. All’alba di martedì 2 aprile potremo ammirare nel cielo un magnifico valzer tra una sottilissima falce di luna decrescente e Venere, il “pianeta dell’amore”. La congiunzione astrale tra i due oggetti avrà una finestra osservativa non molto lunga poiché a ridosso […]

A caccia di rifiuti nello spazio. …

A caccia di rifiuti nello spazio. “Possibili tracce di extraterrestri” Se una forma di vita aliena tecnologicamente avanzata avesse visitato il nostro Sistema Solare probabilmente avrebbe lasciato qualche rifiuto spaziale lungo la via. Uno studio di Berkeley aiuta a capire come identificarli, e quante probabilità avremmo di riuscirci OVUNQUE vada, la nostra specie tende a lasciare qualche traccia del suo passaggio. E non solo sul nostro pianeta: la Luna, Marte, e molti altri corpi celesti del Sistema solare sono ormai disseminati di sonde e relitti prodotti dall’uomo. Per non parlare dello spazio nei pressi della Terra, letteralmente zeppo di satelliti […]

La Terra è stata investita da un’espulsione …

La Terra è stata investita da un’espulsione di massa coronale del Sole: cos’è e cosa rischiamo Un’espulsione di massa coronale ha centrato la Terra la sera del 24 marzo, ma non ha dato vita a una tempesta geomagnetica poiché troppo debole. Il fenomeno è legato alla proiezione di plasma e radiazione elettromagnetica dall’atmosfera del Sole verso il nostro pianeta, e può innescare problemi radio e satellitari, oltre che aurore polari insolitamente affascinanti. Alle 22:52 di domenica 24 marzo la Terra è stata investita da un’espulsione di massa coronale (CME), ma il plasma sprigionato dalla nostra stella non ha innescato una […]

Una statua “umana” su Marte? …..

Una statua “umana” su Marte? Gli scatti del rover della NASA scatenano i complottisti Una statua simile ad un essere umano avvistata su Marte da un rover della NASA. E’ ciò che sostengono alcuni “complottisti”, che hanno esaminato attentamente gli scatti effettuati dal robot Opportunity. In uno di questi, si nota un oggetto scuro lungo le pendici di uno dei crateri di Marte. I teorici del complotto credono che si tratti di una statua e indicano un presunto braccio lungo, un torace voluminoso e due “frammenti di gamba”. Come riportato dal Daily Star Online, una persona ha scritto su YouTube […]

Il super asteroide esploso a dicembre …

Il super asteroide esploso a dicembre che nessuno aveva notato La Nasa ha annunciato oggi che un corpo celeste di 10 metri è penetrato nell’atmosfera terrestre alla fine dell’anno scorso. Si è disintegrato nel cielo con l’energia di dieci bombe di Hiroshima nello Stretto di Bering. Avrebbe potuto colpire gli aerei di linea. Scampato pericolo, per stavolta. La Nasa ha fatto sapere che un enorme asteroide è entrato nell’atmosfera della Terra, lo scorso 18 dicembre. E solo oggi è arrivato l’allarme. Il masso spaziale è esploso nell’atmosfera, prima di toccare terra, con la potenza di 173 chilotoni di Tnt, pari […]

Per uno studio è Mercurio, e non Venere, …

Per uno studio è Mercurio, e non Venere, il pianeta più vicino alla Terra Una ricerca di alcuni studiosi della Nasa ribalta i parametri con cui si calcolano le distanze tra i pianeti del Sistema solare Qual è il pianeta più vicino alla Terra? Per coloro che si ricordano il Sistema solare sui libri di scuola la risposta potrebbe sembrare semplice: Venere. Ma non è affatto scontata. Secondo uno studio di tre ricercatori della Nasa, del Los Alamos National Laboratory e dello Us Army’s Engineer Research Development Center, che hanno appena presentato i loro risultati sulla rivista Physics Today, la […]

Meteo: SUPERLUNA Eccezionale tra poche ore, …

Meteo: SUPERLUNA Eccezionale tra poche ore, la prossima così nel 2030. Vi sveliamo chi potrà vederla Nella notte tra Mercoledì 20 e Giovedì 21 Marzo il cielo sarà nuovamente in festa, infatti oltre a celebrare l’inizio ufficiale della primavera astronomica (Mercoledì 20 Marzo, poco prima delle 23), potremmo osservare la terza e ultima SUPER-LUNA dell’anno. La prossima così la rivedremo nel 2030. Si ha una super-luna quando il nostro satellite si trova nella fase di plenilunio (luna piena) e nello stesso tempo nel punto più vicino alla Terra (perigeo). Ebbene, questo momento avverrà alle 2.44 ora italiana del 21 Marzo, […]

Una nuova soluzione al paradosso di Fermi

Una nuova soluzione al paradosso di Fermi Alcuni astronomi affermano in un nuovo studio che i movimenti stellari dovrebbero facilitare la diffusione delle civiltà in tutta la galassia, ma noi potremmo comunque trovarci soli. Per quanto ne sappiano, siamo sempre stati soli. Siamo solo noi su questo puntino azzurro pallido, “la casa di tutti quelli che amate, di tutti quelli che conoscete, di tutti quelli di cui avete mai sentito parlare”, per citare una famosa frase di Carl Sagan. Nessuno ha chiamato, nessuno è venuto in visita. Eppure l’universo è pieno di stelle, quasi tutte hanno pianeti, e su alcuni […]

Nasce lo SKA Observatory, rivoluzione …

Nasce lo SKA Observatory, rivoluzione per l’astronomia Sette Paesi firmano il trattato, Per Bussetti è fra i progetti più ambiziosi di sempre Passo cruciale verso la costruzione della più grande rete di radiotelescopi del mondo, chiamata Ska. L’Osservatorio che dovrà realizzarla è nato oggi a Roma, dove sette Paesi sotto la guida dell’Italia hanno firmato il Trattato internazionale che istituisce lo SKA Observatory (SKAO), che si prepara a diventare la seconda organizzazione intergovernativa dedicata all’astronomia nel mondo, dopo l’European Southern Observatory (ESO). Bussetti, Ska fra i progetti più ambiziosi di sempre Il radiotelescopio più grande del mondo “é uno dei […]

Scoperti nell’universo giovane 83 buchi neri …

Scoperti nell’universo giovane 83 buchi neri supermassicci Esistevano già soltanto 800 milioni di anni dopo il Big Bang 83 giganteschi buchi neri supermassicci sono stati scoperti nell’universo primordiale: esistevano già “soltanto” 800 milioni di anni dopo il Big Bang, avvenuto 13,8 miliardi di anni fa. La scoperta rivela per la prima volta quanto fossero comuni questi oggetti agli albori del cosmo e getta nuova luce sulla loro interazione con il gas primordiale che li circondava. La ricerca è stata pubblicata in una serie di articoli su The Astrophysical Journal e sulla rivista dell’Osservatorio Astronomico del Giappone, da ricercatori di Giappone, […]

Via Lattea, è evasa una stella

Via Lattea, è evasa una stella Analizzando i dati di uno dei telescopi Magellano, in Cile, e della missione Esa Gaia, è stato possibile ricostruire la traiettoria di Lamost-Hvs1: una stella massiccia iperveloce espulsa dal disco stellare dalla Via Lattea, e non dal centro galattico come si riteneva prima un’interessante ricerca che chiama in causa stelle iperveloci, buchi neri supermassici presenti nel centro galattico e buchi neri di massa intermedia, quella condotta da un team di ricercatori dell’università del Michigan che, utilizzando i dati della missione Gaia dell’Esa e le osservazioni di uno dei due telescopi Magellano in Cile, ha […]

Ecco la massa complessiva della Via Lattea

Ecco la massa complessiva della Via Lattea Millecinquecento miliardi di masse solari: è questa la massa totale della nostra galassia secondo un nuovo studio che ha combinato le osservazioni della missione Gaia dell’ESA con quelle del telescopio spaziale Hubble dell’ESA/NASA. La misura pone fine a un’incertezza che durava da tempo e consentirà di inserire meglio la Via Lattea nel contesto cosmologico A quanto ammonta la massa complessiva della Via Lattea? Secondo una nuova stima, ottenuta combinando i dati del telescopio spaziale Hubble dell’ESA/NASA e della missione Gaia dell’ESA, si tratta di 1500 miliardi di masse solari, in un raggio di […]

Lo “strano caso” dell’eclissi solare, la Luna …

Lo “strano caso” dell’eclissi solare, la Luna va all’indietro e passa due volte sul Sole Il 6 marzo scorso è avvenuta una strana eclissi di Sole, visibile solo dall’orbita terrestre, nella quale il disco della Luna è passato più volte avanti e indietro su quello del Sole: un effetto dovuto alle differenti velocità del movimento della Luna e di quello dell’osservatorio solare Sdo (Solar Dynamics Observatory) della Nasa, che ha ripreso il fenomeno. L’eclissi di Sole filmata da Sdo è stata parziale, cioè il disco della Luna ha coperto quello del Sole per l’82%, ed è durata più di 4 […]

Di due galassie … una

Di due galassie … una (Situato nella costellazione di Ercole, a circa 230 milioni di anni luce di distanza, NGC 6052 è una coppia di galassie in collisione. Furono scoperti per la prima volta nel 1784 da William Herschel e furono originariamente classificati come una singola galassia irregolare a causa della loro strana forma. Tuttavia, ora sappiamo che NGC 6052 consiste in realtà di due galassie in fase di collisione. Questa particolare immagine di NGC 6052 è stata scattata usando la Wide Field Camera 3 sul telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA. Molto tempo fa la gravità ha richiamato […]

Scoperta una stella misteriosa che riaccende …

Scoperta una stella misteriosa che riaccende l’ipotesi degli alieni Cambi di luminosità fanno sognare, e c’è anche chi ipotizza la presenza di strutture aliene. Si chiama “Epic 204376071” si trova a 440 anni luce dalla Terra e ha una storia molto simile a quella della “stella di Tabby” Scoperta una sorella ancora più anomala della famosa Tabby Star, che aveva acceso la fantasia perché le oscillazioni della sua luminosità avevano suggerito la presenza di strutture aliene nella sua orbita, ma la nuova stella, Epic 204376071, mostra oscillazioni molto più marcate che fanno rispuntare l’ipotesi degli alieni. La scoperta, pubblicata sulla […]

L’entanglement dei qubit per capire i buchi neri

L’entanglement dei qubit per capire i buchi neri Il fenomeno della perdita dell’informazione associata alla materia che viene inghiottita da un buco nero può essere riprodotto in laboratorio usando qubit, cioè analoghi quantistici dei bit, che sono tra loro legati dall’entanglement. Lo ha dimostrato uno studio in cui è stato anche definito un nuovo protocollo per l’efficienza dei futuri computer quantistici Un esperimento effettuato sul bancone di un laboratorio può essere sufficiente per studiare e capire fenomeni che avvengono nel cosmo, a distanze enormi da noi. L’ennesima riprova di questo principio è stata pubblicata su “Nature” da Kevin Landsman dell’Università […]

C’è una statua aliena su Marte: …

C’è una statua aliena su Marte: la bizzarra foto che appassiona gli ufologi LONDRA – C’è una statua costruita dagli extraterrestri su Marte. Ne sono convinti alcuni appassionati di alienologia intervistati nel corso di una puntata del programma di History Channel “Ancient Aliens“. Una bizzarra ipotesi, priva di fondamento scientifico, che scaturirebbe solo dall’analisi di un’immagine scattata dal rover Curiosity sul Pianeta rosso. Nel corso dell’episodio, citato dal britannico ExpressUk, un esperto di foto satellitari di nome Joseph White ha dichiarato: “Le immagini del rover sono generalmente abbastanza vicine ed è possibile a volte individuare cose come teste di statue […]

Il nostro universo potrebbe emergere come un ologramma

Il nostro universo potrebbe emergere come un ologramma I fisici hanno ideato un modello olografico dello “spazio di de Sitter”, il termine che definisce un universo come il nostro, da cui potremmo ottenere nuovi indizi sull’origine dello spazio e del tempo. Il tessuto dello spazio e del tempo è visto da quasi tutti i fisici come un tessuto “emergente”, cucito con fili quantistici secondo un modello sconosciuto. E per 22 anni hanno avuto a disposizione un modello giocattolo del modo in cui può funzionare lo spazio-tempo emergente: un “universo in bottiglia” teorico, come l’ha descritto il suo scopritore, Juan Maldacena. […]

Clonando asteroidi in laboratorio

Clonando asteroidi in laboratorio Arrivano dall’Exolith Lab della University of Central Florida alcuni “simulanti” fedelissimi del materiale di cui sono fatti gli asteroidi. Regoliti sintetiche che potranno essere utilizzate per valutare quanto il suolo di corpi extraterrestri possa essere adatto alla colonizzazione Mille miliardi di dollari è la stima del valore che, secondo l’agenzia americana Morgan Stanley, avrà la space economy nel 2040. Nel 2017, stando ai dati della Sia (Satellite Industry Association), il fatturato del settore spaziale si attestava intorno ai 350 miliardi di dollari l’anno, di cui 80 non legati all’attività satellitare e provenienti da fonti pubbliche e […]

Astronomia: scoperta stella misteriosa, …

Astronomia: scoperta stella misteriosa, riaccende l’ipotesi degli alieni Dopo la celeberrima ed enigmatica Stella di Tabby, un altro astro solleva numerosi interrogativi Dopo la celebre Stella di Tabby, un altro astro solleva numerosi interrogativi: la prima, denominata ufficialmente KIC 8462852, si trova a circa 1500 anni luce dalla Terra, ed è una singolare stella che ha catturato l’attenzione degli scienziati e l’immaginazione del pubblico con la sua luminosità stranamente fluttuante; la seconda, Epic 204376071 (440 anni luce dalla Terra), mostra oscillazioni molto più marcate che fanno rispuntare l’ipotesi “strutture aliene“. La scoperta, pubblicata su Royal Astronomical Society e guidata dal […]

Gli esopianeti inclinati spiegano un mistero …

Gli esopianeti inclinati spiegano un mistero astronomico Durante il processo di formazione di un pianeta, il suo asse di rotazione può inclinarsi verso la sua stella in misura variabile. Quando questa inclinazione diventa importante, può interferire con l’accoppiamento di risonanza tra pianeti, alterando alcuni parametri orbitali. E’ questa la spiegazione proposta per le anomalie rilevate dal telescopio spaziale Kepler in molti pianeti extrasolari. Sulla Terra, poche persone hanno familiarità con il concetto di obliquità planetaria, ma tutti ne sentiamo gli effetti: l’obliquità misura l’inclinazione orbitale di un pianeta rispetto alla sua stella, che è quello che determina l’alternarsi delle stagioni […]

Armageddon distruttivo, non è possibile …

Armageddon distruttivo, non è possibile difendersi: asteroidi più resistenti del previsto Se un mega asteroide dovesse scontrarsi con la Terra non avremmo attualmente la tecnologia necessaria per distruggerlo, i ricercatori della Johns Hopkins university spiegano che, secondo le loro analisi, le tecniche considerate valide fino ad oggi non sarebbero in grado di contrastare un potente Armageddon, ecco perché. L’ipotesi di distruzione di un potenziale asteroide che potrebbe colpire la Terra provocando una catastrofe non è attualmente plausibile. Gli asteroidi sarebbero molto più resistenti del previsto e le attuali strategie di distruzione considerate efficaci dagli scienziati in realtà non lo sono. […]

Le Pleiadi: sette stelle, tutte variabili

Le Pleiadi: sette stelle, tutte variabili Chi ha a disposizione una vista eccellente e cieli sereni e bui le riesce a vedere tutte e sette, ma i telescopi ci hanno rivelato che l’ammasso delle Pleiadi è formato da oltre mille astri. Concentrandosi però a su quelle sette sorelle, le più brillanti del gruppo, un team di ricercatori guidato da astronomi dell’Università di Aarhus in Danimarca è riuscito a scoprirne una nuova caratteristica: la loro luminosità varia periodicamente. Un lavoro per niente facile: la grande luminosità di questi astri “acceca” i telescopi e gli strumenti più avanzati per lo studio del […]

Scoperti antichi fiumi su Marte e le eccezionali foto …

Scoperti antichi fiumi su Marte e le eccezionali foto in hd del Rover Mars Express l rover Mars Express ha fotografato i letti di antichi fiumi marziani, ulteriore prova del fatto che in passato sul pianeta rosso era presente l’acqua e forse la vita. Sono semplicemente entusiasmanti le ultime immagini provenienti da Marte che mostrano i letti degli antichi fiumi che scorrevano sul pianeta rosso. Si tratta di un’ulteriore conferma del fatto che in passato su Marte fosse presente l’acqua e, dunque, che abbia con molta probabilità ospitato anche la vita. Le immagini in alta risoluzione sono state realizzate da […]

Super brillamenti nelle Pleiadi

Super brillamenti nelle Pleiadi Uno studio pubblicato su Astronomy & Astrophysics e guidato da Mario Giuseppe Marcello, ricercatore all’Inaf di Palermo, analizza una fra le rare osservazioni simultanee in ottico e ai raggi X dei “super flares” avvenuti nelle Pleiadi, l’ammasso stellare più vicino al Sole, a 444 anni luce da noi Decenni di osservazioni del Sole hanno mostrato che la nostra stella è caratterizzata da fenomeni transienti – talvolta anche violenti – dovuti all’interazione tra il plasma d il campo magnetico prodotto all’interno del Sole. Esempi tipici di questi fenomeni, denominati “attività magnetica”, sono le macchie solari in fotosfera, […]

Pianeta Nove esiste o no? Una nuova ricerca …

Pianeta Nove esiste o no ? Una nuova ricerca indaga il mistero Poche vicende nella storia dell’astronomia sono avvolte da incertezza e misteri, come quella riguardante il fantomatico “Pianeta Nove” (o pianeta X, prima del declassamento di Plutone). Moltissimi ricercatori hanno tentato, negli ultimi anni, di fare luce su questo mistero, ma senza riuscire a trarne conclusioni definitive. Prima di presentarvi i risultati di un nuovo studio, che porta nuove prove a sostegno dell’ipotesi Pianeta Nove, cerchiamo però, come novelli Sherlock Holmes, di analizzare i fatti. Innanzi tutto occorre fare una premessa. Le leggi di gravitazione universale di Newton, che […]

Titano, la luna esotica di Saturno può ospitare …

Titano la luna esotica di Saturno può ospitare la vita aliena Scoperti nel sottosuolo del deserto cileno forme di microbi mai osservati in precedenza, potrebbe essere prova di vita alieni? Secondo gli studiosi l’ambiente più simile a Marte che ci sia sul nostro pianeta è il deserto cileno di Atacama. Per questo la Nasa ha deciso di usare un rover simile a quelli inviati in passato sul pianeta rosso con il compito di prelevare campioni di terren