Gale Crater, il lago blu di Marte …

93
0
Share:

Gale Crater, il lago blu e quei possibili fossili su Marte

Forse è sfuggita ai più, ma nei giorni scorsi è stata resa nota una notizia particolarmente interessante relativa a Marte e alle esplorazioni del rover Curiosity. Nel suo operare nella zona del Gale Crater, Curiosity ha inviato alla Terra 84 immagini di misteriose formazioni scure che gli scienziati hanno collocato alla sommità del Vera Rubin Ridge, il luogo (o il litorale) di un lago d’acqua dolce che a suo tempo giaceva nel cratere. Come riporta il sito online di marsdaily, al quale vi rimando tramite questo link per leggere l’articolo completo, siamo di fronte alla più seria traccia scientifica di bioturbazioni fossili sul Pianeta Rosso. Si tratta di qualcosa di molto simile a quelle del periodo devoniano-ordoviciano. Quindi, sembra proprio che sul Marte dei tempi che furono si erano sviluppate forme di vita microbiche e multicellulari. E un lago di acqua fresca risalente a 3,5 milioni di anni fa ci porta a sospettare che la prima vera “biglia blu” nel sistema solare fosse proprio Marte e non l’amata Terra immortalata – di qui quella famosa definizione – dagli astronauti di Apollo 17. Ogni giorno che passa sono sempre più convinto che il Pianeta Rosso è la meta di quanto stiamo inseguendo da sempre. E ho pure il sospetto che noi umani proveniamo da lì. Buon anno, visto che ci stiamo avvicinando al 2019 e che questo sarà probabilmente l’ultimo post di Mistero bUFO per il 2018.
di : Flavio Vanetti
FONTE:

Share:

Leave a reply