Il mostro di Loch Ness potrebbe vivere …

45
0
Share:

Il mostro di Loch Ness potrebbe vivere in una dimensione parallela come le creature di “Stranger Things”, afferma un esperto di paranormale

LONDRA, INGHILTERRA: Il mostro di Loch Ness potrebbe esistere in una dimensione parallela in stile Stranger Things, ha affermato un investigatore del paranormale. Molti si sono sforzati di trovare indizi sull’esistenza della creatura da quando “Nessie” ha catturato per la prima volta l’immaginazione del pubblico decenni fa. Secondo The Mirror, suggerisce che il mostro potrebbe effettivamente trascorrere la maggior parte del suo tempo in un universo parallelo, proprio come quello della popolare serie TV Netflix, “Stranger Things”.
La leggenda moderna nasce nel mese di maggio del 1933, quando l’Inverness Courier riferì che una coppia aveva visto “un enorme animale rotolare e precipitare sulla superficie” di Loch Ness nelle Highlands scozzesi. La storia insolita ha attirato molta attenzione tra i giornali londinesi e i corrispondenti sono stati inviati in Scozia con un’offerta di ricompensa di $ 21.000 a chiunque fosse riuscito a catturare la creatura.
Le persone erano ottimiste sul fatto che la creatura sarebbe stata presto trovata: investigatori, turisti e scienziati allo stesso modo, hanno iniziato a cercare nel lago nella speranza di trovare il mostro. Diverse università britanniche hanno lanciato spedizioni sonar nel lago negli anni ’60. In ogni spedizione gli operatori del sonar hanno rilevato un qualche tipo di oggetti sottomarini grandi e in movimento, sebbene non sia mai stato trovato nulla di conclusivo. Tuttavia, è stato sufficiente per mantenere vivo il mistero poiché nessuna spedizione ha smentito la possibilità che una creatura viva nelle profondità del lago, affiorando solo di rado.
Visitatori di Loch Ness in Scozia, forse alla ricerca del leggendario mostro di Loch Ness, 7 luglio 1969. (Foto di Ian Tyas/Keystone Features/Hulton Archive/Getty Images)
Un’altra spedizione ha combinato il sonar e la fotografia subacquea a Loch Ness nel 1975. Una foto che è stata scattata dopo il miglioramento, sembrava mostrare ciò che assomigliava vagamente alla pinna gigante di un animale acquatico. Negli anni ’80 e ’90, ulteriori spedizioni sonar hanno portato a letture più inconcludenti. Un team della SeaTrepid Inc, con sede negli Stati Uniti, ha eseguito una scansione completa delle acque profonde del lago nel 2005, nella speranza di trovare la misteriosa creatura. Un rapporto del 2007 affermava che la bestia gigante potrebbe in realtà essere solo un’enorme rana.
Luglio 1975: i vigili del fuoco di Hemel Hempstead, Londra, aggiungono gli ultimi ritocchi a una seducente donna Nessie, con l’intenzione di attirare il mostro di Loch Ness dalle sue profondità scozzesi. La bellissima bestia è lunga 30 piedi, alta 14 piedi e larga 10 piedi ed è composta da fusti di petrolio e cartapesta. Ha una chiamata di accoppiamento amplificata, può sbuffare del fumo attraverso le narici e porta una telecamera nascosta per registrare l’importante incontro. Il progetto è a sostegno del Fondo di beneficenza dei vigili del fuoco. (Foto di Ian Tyas/Keystone Features/Getty Images)
Nessuno però è stato in grado di provare l’esistenza del mostro, nonostante le voci che circolano in giro da quasi un secolo. Un investigatore del paranormale, lo scozzese Ron Halliday, ora è uscito con una delle teorie più non realistiche e coinvolge il successo nostalgico di Netflix. “Gli scienziati hanno suggerito che potrebbero esserci altri universi. E in qualche modo il nostro mondo interagisce con questi altri mondi attraverso i portali”, ha detto. “Con il mostro di Loch Ness, le persone potrebbero vedere un dinosauro che esisteva in passato. Potrebbero vedere qualcosa che sembra solido ma in realtà non è nel nostro mondo. Ciò può estendersi a un’intera gamma di cose, come gli avvistamenti di UFO”. Halliday, 72 anni, ha poi aggiunto: “Alcune persone sono più psichiche di altre. Possono raccogliere queste esperienze mentre altre no. È possibile che alcuni possano entrare in questi portali senza rendersene conto, quindi possono vedere queste cose. Sono avere esperienze autentiche. In un certo senso, questa è speculazione. Ma a mio avviso, fornisce una spiegazione a un’intera gamma di fenomeni paranormali. “
FONTE:

Share:

Leave a reply