Simulazione fallita: il “falso” asteroide …

320
0
Share:

Simulazione fallita: il “falso” asteroide si è scontrato su New York

Purtroppo però, qualcosa è andato storto. L’esperimento, condotto durante l’IAA Planetary Defense Conference è durato cinque giorni, ma nella simulazione sono passati otto anni. Nella finzione si è scoperto l’asteroide il 26 marzo 2019, e sarebbe dovuto arrivare sulla Terra nel 2027.
In questo ipotetico scenario la NASA già nel 2021 aveva inviato una missione di ricognizione per saperne di più sulle dimensioni, l’orbita e la composizione dell’asteroide. Poi, nel 2024, tre sonde furono mandate a schiantarsi contro la roccia spaziale sperando di spingerlo via.
Qui, il corpo principale è stato deviato, ma un frammento di 50-80 metri spezzandosi, è entrato in rotta di collisione con la Terra. Washington aveva considerato l’utilizzo di una bomba nucleare per deviare la roccia, ma l’idea non è mai decollata a causa di disaccordi politici (anche nella simulazione).
L’asteroide, chiamato 2019 PDC, si muoveva ad una velocità di 19 chilometri al secondo ed era diretto sul Central Park di New York. Le persone sono state fatte evacuare, e la pietra spaziale ha colpito la Terra il 29 aprile 2027.

Simulazione fallita: il “falso” asteroide si è scontrato su New York

Nell’aria sono stati rilasciati fino a 20 megatoni di energia: 1.000 volte l’energia della bomba nucleare caduta su Hiroshima. Un impatto di questa dimensione ha raso completamente al suolo un raggio di 15 chilometri, distruggendo completamente Manhattan.
Un’esplosione del genere ucciderebbe all’istante tutti i sopravvissuti in un’area di circa 50 chilometri quadrati, con danni che si estendono fino a 68 chilometri dal punto di collisione, creando un danno senza precedenti.
Come spiega il blog dell’ESA, l’impatto degli asteroidi è l’unico disastro naturale che abbiamo il potere di prevenire e che possiamo scoprire in anticipo di anni o decenni. Grazie ai potenti telescopi che abbiamo a nostra disposizione.
FONTE: sciencealert
di: Salvo Privitera
Fonte articolo:

Share:

Leave a reply