La scoperta di creature estinte …

107
0
Share:

La scoperta di creature estinte nascoste in Thailandia incuriosisce gli scienziati

Dodici specie di trilobiti appena scoperte sono rimaste nascoste per 490 milioni di anni in una zona poco studiata della Thailandia. Ora, gli scienziati credono che potrebbero essere i pezzi mancanti di un intricato puzzle dell’antica Terra.

I trilobiti erano creature marine con teste a forma di mezzaluna che respiravano attraverso le gambe. Alcune specie di trilobiti, estinte 490 milioni di anni fa, sono rimaste nascoste per tutto questo tempo in una regione poco studiata della Thailandia, fino a quando non sono state recentemente scoperte dagli scienziati.
I fossili sono stati scoperti al largo della costa di un’isola chiamata Ko Tarutao, che dista circa 40 minuti dalla terraferma e fa parte di un parco UNESCO. Si tratta di 12 tipi di trilobiti che sono stati visti in altre parti del mondo, ma mai prima in Tailandia – e questo ha incuriosito gli scienziati.
Si scopre che la scoperta, in pratica, è un modo per risalire all’origine geografica della Thailandia. I trilobiti vivevano ai margini esterni del Gondwana, un antico supercontinente che comprendeva l’Australia. Con la scoperta di questi fossili, gli scienziati sono finalmente in grado di collegare il passato della Thailandia con l’Australia.
Come sono stati scoperti i fossili?


I trilobiti erano intrappolati tra strati di cenere pietrificata nell’arenaria, risultato di antiche eruzioni vulcaniche, che si depositarono sul fondale marino e formarono uno strato verde chiamato tufo. A differenza di altri tipi di rocce o sedimenti, i tufi contengono cristalli di zircone.
Lo zirconio è un materiale chimicamente stabile, oltre ad essere resistente al calore e agli agenti atmosferici. È duro come l’acciaio e, grazie a questo, resiste all’erosione molto più di altre rocce e materiali. All’interno di questi resistenti cristalli di zircone, i singoli atomi di uranio decadono gradualmente e si trasformano in atomi di piombo.

Pochi posti al mondo conservano fossili del tardo periodo Cambriano. È uno degli intervalli di tempo meno datati nella storia del pianeta – Nigel Hughes, UC Riverside.
Grazie a questo fenomeno gli scienziati sono in grado di utilizzare tecniche di radioisotopi per datare il momento in cui si è formato lo zircone, individuando l’età dell’eruzione e del fossile. In questo caso, gli scienziati hanno scoperto che i fossili risalivano al tardo periodo Cambriano, tra 497 e 485 milioni di anni fa, qualcosa di estremamente raro.
La scoperta rappresenta una pietra miliare perché permette non solo di determinare l’età dei fossili rinvenuti in Thailandia, ma anche di altri fossili simili rinvenuti in altri luoghi del mondo, ma in materiali non databili allo stesso modo dello Zircone.
In pratica, scoperte di questo tipo permettono agli scienziati di tracciare l’evoluzione dei continenti del pianeta nel tempo, man mano che cambiavano geografia e ubicazione. In questo caso specifico, sarà finalmente possibile scoprire dove si trovava in passato, ai tempi del supercontinente Gondwana, collegato all’Australia, la regione che oggi è la Thailandia.
Scoperte di questo tipo sono come cronache dei cambiamenti evolutivi e delle grandi estinzioni che il pianeta ha scritto per noi. Abbiamo la fortuna e il privilegio di averli per conoscere il passato del pianeta e, in questo modo, prepararci per il futuro.
DI Matheus Manente
FONTE 

Share:

Leave a reply