Il mistero delle strane mummie …

130
0
Share:

Il mistero delle strane mummie ritrovate in Egitto potrebbe essere risolto

Una nuova ricerca sui misteriosi resti di babbuini mummificati, ritrovati lontano dal loro habitat naturale oltre cento anni fa in Egitto, ha fatto luce sul significato sacro dei primati nell’antica penisola arabica.
I babbuini amadriadi mummificati furono ritrovati nel 1905, nella Valle delle Scimmie , un sito archeologico sulla sponda occidentale del Nilo a Luxor, noto per le sue raffigurazioni di babbuini sulle pareti delle tombe scoperte nelle vicinanze. Alle creature mancavano i feroci canini, ma, a differenza di altri esemplari mummificati di babbuino trovati nello stesso periodo, non furono né sepolti con nobili dell’epoca né trovati in catacombe di gruppo, sollevando per decenni domande su come fossero arrivati ​​lì – e perché. La scienza è finalmente sufficientemente avanzata per rispondere ad alcune domande ancora aperte sui babbuini. Dopo aver testato dieci campioni diversi ed essere riuscita a estrarre il DNA da uno solo, Gisela Kopp, biologa dell’Università di Costanza, ha utilizzato un nuovo metodo di analisi genetica sul DNA del campione per rintracciarne le origini. La scoperta di Kopp è la prima volta che il DNA antico di un primate non umano mummificato è stato analizzato con successo a questo livello. La mummia Kopp ha estratto il DNA, che si stima risalga tra l’800 e il 500 a.C., e ha corroborato i risultati secondo cui il Corno d’Africa era la regione di origine dei babbuini rispetto a un campione simile che era stato precedentemente portato alla luce. La genetica del babbuino di Kopp è stata confrontata con un altro campione originario della regione costiera dell’Eritrea, dove, nell’antichità, era probabilmente situato il porto di Adulis. Tuttavia, il babbuino di Kopp fu preservato molto prima che l’antica città di Adulis fiorisse come un importante centro commerciale e porto, dove animali come babbuini e leopardi venivano spesso acquistati e venduti. Testi antichi dello stesso periodo suggeriscono che il babbuino di Kopp probabilmente ebbe origine in una città chiamata Punt. La posizione esatta di Punt, ha detto Kopp a Insider, ha a lungo lasciato perplessi i ricercatori a causa dei riferimenti alla città trovati in testi e opere d’arte significativi ma non trovati sulle mappe esistenti. “L’esemplare da noi studiato coincide cronologicamente con le ultime spedizioni conosciute a Punt. Geograficamente, invece, coincide con Adulis, una località che, secoli dopo, era conosciuta come luogo di commercio, anche di primati. Ipotizziamo che Punt e Adulis siano due specie diverse nomi per lo stesso luogo che sono stati usati in momenti diversi nel tempo,” ha scritto Kopp in un articolo di ricerca pubblicato all’inizio di questo mese, aggiungendo: “È stato solo dopo aver inserito le nostre scoperte biologiche nel contesto della ricerca storica che la storia ha davvero preso forma. .” Kopp ha spiegato a Insider che i metodi esatti dietro l’importazione dei primati in Egitto, il loro allevamento e infine la loro mummificazione rimangono poco chiari. Questo è esattamente il motivo per cui gli egiziani vennero a conoscenza dei babbuini, poiché non erano originari della regione. “Devono aver osservato i babbuini nel loro habitat naturale”, ha detto Kopp. “È perfetto, il modo in cui mantengono le posture e i diversi comportamenti: devono averli osservati nei loro habitat naturali, ma non sappiamo perché o come.” L’antropologo Nathaniel Dominy del Dartmouth College, che ha collaborato con Kopp allo studio, ha detto a Insider che i babbuini spesso mancano dalle opere d’arte africane dell’epoca a causa della loro reputazione di parassiti nei loro habitat naturali, ma hanno un significato speciale in Egitto. “In tutta l’Africa vedrai un sacco di elefanti e giraffe e tutti i tipi di prodotti che rappresentano animali, ma molto raramente babbuini. E questo perché, in generale, i babbuini non sono ben voluti. Saccheggiano i tuoi raccolti, distruggono i tuoi mezzi di sussistenza , sono messaggeri di malattie”, ha detto Dominy. “Ricordo di essere andato in Egitto per la prima volta e di essere rimasto sbalordito dal numero di babbuini raffigurati sulle pareti dei templi, o nelle tombe dei nobili si vedevano grandi statue di babbuini in vari templi. E hanno persino mummificato i babbuini, che qualunque primatologo ti dirà che è sconcertante.”

A monkey mummy from ancient Egypt at the Egyptian museum of Cairo

Secondo Dominy, per gli antichi egizi, i babbuini sembrano aver avuto un duplice scopo spirituale. Le creature sono spesso mostrate con le braccia alzate verso il sole in quella che egli descrisse come una “postura di adorazione” verso il sole nascente, il dio egiziano Rah “Alcuni ricercatori ipotizzano che i babbuini orienterebbero naturalmente i loro corpi verso il sole nascente e che vocalizzerebbero al sorgere del sole”, ha detto Dominy. “E l’idea è che gli antichi egizi avrebbero visto questo comportamento naturale, e avrebbe risuonato fortemente in loro perché gli egiziani salutavano il sole nascente e cantavano al sole nascente. E quindi questo potrebbe essere stato proprio sorprendente , animale allettante che era collegato alle loro pratiche religiose.” I babbuini erano spesso raffigurati anche come l’incarnazione fisica del dio Thoth, la divinità egiziana della luna e il dio associato alla saggezza e alla guerra. “Quindi possono entrambi rappresentare il dio della luna e il dio della saggezza, ma mostrano anche la loro lealtà al dio del sole, Rah”, ha detto Dominy a Insider.
“E per noi, a questo punto, capirlo è difficile, ma sembrava che l’importanza dei babbuini risiedesse in questo tipo di capacità di fare da ponte tra il sole e la luna, i due corpi celesti più importanti per gli egiziani. Il significato religioso potrebbe aver spinto il desiderio degli egiziani di importare, allevare e preservare le creature, ipotizzano Dominy e Kopp. I loro canini, così potenti da poter tagliare una coscia umana fino all’osso in un solo morso, sono stati probabilmente rimossi come misura di sicurezza. Anche se non è chiaro se siano stati gli acquirenti o i venditori dei babbuini a rimuoverli, Dominy ha affermato che c’erano prove evidenti che i denti fossero stati rimossi all’inizio della vita, quando il nuovo osso aveva cominciato a ricrescere sul vuoto lasciato dall’estrazione. Anche se il significato completo dietro l’allevamento e la mummificazione dei babbuini in Egitto potrebbe non essere mai conosciuto, le nuove conoscenze fornite dall’analisi del DNA delle scimmie forniscono un anello mancante per comprendere come il commercio internazionale si è sviluppato nella regione alla fine ha modellato il mondo. “Questo ha guidato la tecnologia marittima, l’industria, questo è stato un catalizzatore economico. Voglio dire, le loro motivazioni per procurarsi i babbuini – hanno cambiato il mondo”, ha detto Dominy. “E so che è una grande affermazione, ma quel collegamento tra l’Egitto e Adulis è la prima tappa importante di quella che sarebbe diventata nota come la via marittima delle spezie.”
DI Lucia Petrone
FONTE 

Share:

Leave a reply