Scoperta una piramide sepolta …

111
0
Share:

Scoperta una piramide sepolta che potrebbe essere la più antica di sempre

Una gigantesca piramide sotterranea nascosta sotto una collina in Indonesia supera di gran lunga Stonehenge o le piramidi di Giza e potrebbe arrivare a rivaleggiare con le più antiche strutture megalitiche mai costruite da mani umane.
L’eccezionale collina di antiche strutture in pietra sull’isola di Giava Occidentale è sacra per la gente del posto, che chiama questo tipo di struttura un ‘ punden berundak ‘, che significa piramide a gradoni, per le terrazze che conducono alla sua cima. Gli archeologi hanno appena sfiorato la superficie del sito, eppure si preannuncia già come una ” straordinaria testimonianza” dell’ingegno umano. Gunung Padang è, potenzialmente, la struttura piramidale più antica del mondo, costruita su un vulcano spento prima dell’alba dell’agricoltura o della civiltà come la conosciamo. Secondo nuovi dati forniti da scienziati indonesiani, il suo interno potrebbe benissimo nascondere grandi camere aperte piene di incognite. Un’analisi approfondita di Gunung Padang, che significa “montagna dell’illuminazione” nella lingua locale, suggerisce ora fortemente che un’antica civiltà ” scolpisse meticolosamente ” la collina naturale di lava nel nucleo di una struttura piramidale molto tempo fa. La prima datazione al radiocarbonio del sito indica che la costruzione iniziale iniziò nell’ultimo periodo glaciale, più di 16.000 anni prima del presente e forse addirittura 27.000 anni fa. Per metterlo in prospettiva, Göbekli Tepe , che è un massiccio assemblaggio di pietre nell’attuale Turchia, è attualmente considerato il più antico megalite conosciuto al mondo. Risale a 11.000 anni fa. Tra il 2011 e il 2015, un team di archeologi, geologi e geofisici, guidato dal geologo Danny Hilman Natawidjaja dell’Agenzia nazionale per la ricerca e l’innovazione indonesiana, ha utilizzato una varietà di tecniche, come carotaggi, georadar e imaging del sottosuolo, per sondare il sito del patrimonio culturale. Natawidjaja e colleghi hanno scoperto che, come molti megaliti del passato, Gunung Padang è stato costruito in fasi complesse e sofisticate, la parte più profonda delle quali si trova a 30 metri di profondità. Questa parte centrale della struttura fu probabilmente costruita tra il 25.000 e il 14.000 a.C., ma fu poi abbandonata per diversi millenni. La costruzione riprese tra il 7900 e il 6100 a.C., espandendo il tumulo centrale della piramide con varie colonne di roccia e terreni ghiaiosi, con ulteriori lavori di costruzione avvenuti tra il 6.000 e il 5.500 a.C. Curiosamente, in questo momento, i costruttori sembrano aver intenzionalmente seppellito o costruito sopra alcune parti più antiche del sito.
Gli ultimi architetti della piramide arrivarono intorno al 2000-1100 a.C., aggiungendo terreno superficiale e terrazze di pietra caratteristiche di un punden berundak. Questa è la parte più visibile oggi. “I costruttori dell’Unità 3 e dell’Unità 2 a Gunung Padang devono aver posseduto notevoli capacità murarie, che non si allineano con le tradizionali culture di cacciatori-raccoglitori”, scrivono il team di ricercatori. “Data la lunga e continua occupazione di Gunung Padang, è ragionevole ipotizzare che questo sito avesse un’importanza significativa, attirando gli antichi ad occuparlo e modificarlo ripetutamente.” Sono necessari ulteriori scavi per capire chi fossero questi popoli preistorici e perché costruissero le cose che facevano. Quando i ricercatori hanno sondato l’interno della collina utilizzando le onde sismiche, hanno trovato prove di cavità e camere nascoste, alcune lunghe fino a 15 metri con soffitti alti 10 metri. Il team ora spera di approfondire queste aree. Se incontrano qualche camera, pianificano di far cadere una telecamera nell’oscurità per vedere cosa si nasconde sotto. “Questo studio esemplifica come un approccio globale che integri metodi archeologici, geologici e geofisici possa scoprire vaste e nascoste strutture antiche”, conclude il team .
DI Lucia Petrone
FONTE 

Share:

Leave a reply