Le antiche città Maya erano contaminate …

69
0
Share:

Le antiche città Maya erano contaminate dal mercurio quanto le città moderne

Raccogliendo dati dalle 10 città Maya contaminate dal mercurio, gli archeologi hanno notato che le misurazioni ambientali erano molto simili a quelle odierne
Molti pensano che l’inquinamento sia un problema moderno, ma nelle città in cui vivevano i Maya 1.772 anni fa c’erano già livelli tossici di un comune contaminante: il mercurio.
Gli archeologi dell’Università Cattolica dell’Australia hanno trovato questo metallo pesante, solitamente associato ai rifiuti dell’industria moderna, in 10 degli 11 insediamenti Maya che hanno studiato. Nello specifico, a Chunchucmil in Messico; Actuncan in Belize; La Corona, Tikal, Petén Itzá, Piedras Negras e Cancuén in Guatemala; Palmarejo in Honduras; e Ceren in El Salvador.
Queste scoperte suggeriscono che tali alte concentrazioni di mercurio hanno influenzato la salute degli antichi Maya molto prima che i conquistadores arrivassero nelle Americhe. Pertanto, furono i Maya a riempire il suolo di quantità industriali di mercurio. Un contaminante così tossico da rappresentare ancora un pericolo per gli archeologi che hanno indagato su questi siti.
Ma da dove viene il mercurio?
Il mercurio, come il piombo o il cadmio, è naturalmente presente nell’ambiente. Sebbene la versione più pura sia ottenuta fondendo questo metallo a una temperatura relativamente bassa, possiamo trovare cinabro (solfuro di mercurio cristallino) vicino a sorgenti termali o in regioni ad alta attività vulcanica.
L’archeologia della regione conferma che i Maya usarono per secoli il cinabro come colorante. Questo perché il pigmento rossastro ottenuto da questo minerale è molto più resistente del viola ottenuto dalle lumache di mare. Inoltre, per i Maya ossessionati dal sangue, il cinabro era il colore più bello.
Numerose opere d’arte nelle città Maya hanno utilizzato questo pigmento di mercurio. Altre indagini precedenti avevano già trovato vasi chiusi contenenti mercurio in luoghi dove aveva vissuto la civiltà Maya, come Quiriqua in Guatemala, El Paraíso in Honduras e Teotihuacán in Messico. Quindi trovare questo minerale non dovrebbe essere stato difficile per gli abitanti precolombiani.
Tuttavia, nessun archeologo fino ad ora pensava che i Maya avessero abusato di questo pigmento così tanto secoli fa.
Il mercurio aveva un valore spirituale per i Maya
Durante la loro esplorazione, gli archeologi hanno scoperto che i Maya consideravano il cinabro qualcosa di più di un semplice “bel colore”. Per loro, il ch’ulel o la forza dell’anima di una persona risiedeva nel sangue. Pertanto, il pigmento rosso brillante del cinabro, simile al sangue, era a quei tempi una sostanza inestimabile e sacra.
Quando i primi monumenti agli dei furono eretti nelle città durante il 3° secolo d.C., i Maya usarono questa polvere di mercurio naturale per aggiungere colore ai pezzi decorativi. Anche durante i riti funebri, i Maya usavano il mercurio purificato per decorare i defunti. Dopodiché il metallo tossico è penetrato in profondità nelle ossa, lasciando un’eredità persistente di problemi di salute. Ad esempio, uno degli ultimi sovrani della città Maya di Tikal, un re di nome Dark Sun, era particolarmente obeso. Ciò è dovuto a una malattia metabolica che è comunemente causata da avvelenamento da mercurio. “Il mercurio era una sostanza inestimabile per i Maya, ma a loro insaputa era anche mortale e persiste nel suolo e nei sedimenti attorno agli antichi templi“, spiega Nicholas Dunning, archeologo dell’Università di Cincinnati.
L’inquinamento delle città, antico quanto la storia dell’umanità?
Raccogliendo dati dalle 10 città Maya contaminate dal mercurio, gli archeologi hanno notato che le misurazioni ambientali erano molto simili a quelle odierne.
In altre parole, tutte quelle città Maya hanno concentrazioni di mercurio che superano o eguagliano i parametri di riferimento moderni per i livelli di tossicità. Quindi sembra che la contaminazione dei metalli sia sempre stata un problema, anche prima dell’avvento delle industrie.
By Federica Vitale
FONTE:

Share:

Leave a reply