Dal ‘fantasma’ di Madame Mabel: il primo museo …

259
0
Share:

Dal ‘fantasma’ di Madame Mabel: il primo museo della stregoneria contemporanea in Piemonte

Nei sotterranei del noto locale del Quadrilatero
Madame Mabel| Museo stregoneria contemporanea| Torino | Inaugurazione 31 gennaio
Dal febbraio 2018, il Madame Mabel è diventato un punto di riferimento nella Torino esoterica. Il locale, in via San Domenico 6/B, nel cuore del Quadrilatero Romano, colpisce immediatamente i suoi visitatori torinesi ed i turisti, per la sua atmosfera che, dagli arredi, all’oggettistica, rievoca gli antichi Salotti di fine ‘800.

Torino Magica ed Esoterica

I frequentatori abituali del locale discutono di argomenti filosofici, di esperienze esoteriche, scrutano manufatti esoterici, strumenti divinatori, leggono tarocchi. Il Madame Mabel non è quindi un locale a tema, ma è il primo locale esoterico in Italia.
Il locale prende il nome da Madame Mabel, una strega di metà ottocento (1860 circa), morta di tubercolosi, la cui presenza, assolutamente benevola, sarebbe ancora nel palazzo. La notizia sta già suscitando molto interesse. Diversi esoteristi da tutta Italia stanno approdando nel locale per visitarlo e per renderlo operativo a livello didattico e conoscitivo. Mentre alcune troupe, come i ragazzi della Valsusa Stregata, condurranno presto delle indagini.

Madame_Mabel

La presenza di Madame Mabel sarebbe stata avvertita soprattutto nei sotterranei dove, dal 31 gennaio, sarà inaugurato il primo Museo della Stregoneria Contemporanea in Piemonte. Gli amanti della spiritualità e gli interessati all’esoterismo potranno rivivere i luoghi e le abitudini di questa strega ottocentesca visitando un ambiente unico e molto suggestivo.
Nei sotterranei sono state ricreate per tutti i visitatori:
la stanza salotto della strega;
il museo biblioteca;
la stanza degli specchi.
Tra gli oggetti più interessanti del primo Museo della Stregoneria Contemporanea in Piemonte ci saranno gli artefatti attivi delle collezioni private di Lorenzo Alessandri, i manoscritti di Triora del 1800 ed i tarocchi di Carlo Piterà.
L’ingresso al museo è gratuito.
Gli orari: dalle 16 a mezzanotte da martedì al sabato;
domenica dalle 16 alle 20.
La visita è guidata per un massimo di 5 persone alla volta.
Fonte:

Share:

Leave a reply