Dwarka come Atlantide: il mistero della città …

297
0
Share:

Dwarka come Atlantide: il mistero della città sommersa più antica al mondo

Avete mai sentito parlare di Dwarka, la città sommersa più antica al mondo? Ecco cosa ha in comune con la famosa Atlantide.
Dwarka: la più antica città sommersa

dwarka-città-sommersa-come-atlantide

Atlantide, il Triangolo delle Bermuda, le Piramidi… La lista dei luoghi misteriosi è davvero interminabili e, oltre a quelli più noti e conosciuti, ce ne sono molto altri davvero ricchi di mistero e quesiti irrisolti. È il caso del sito di Dwarka in India, una delle città sommerse più antiche al mondo.
Le rovine di questa città sono state rinvenute in fondo al mare, precisamente nel Golfo di Cambay in India.
La scoperta è incredibile perché fa supporre che esistesse una civiltà già nel periodo compreso tra il 18° e il 15° secolo a.C.
Una civiltà ricchissima come Atlantide

Dwarka-cover

Secondo quello che è stato ritrovato e fotografato in fondo al mare, si nota che Dwarka fosse la culla di una civiltà tutt’altro che primitiva. Come la sua compagna di destino Atlantide, dunque, questa città era ricchissima e fiorente.
I miti indiani tramandano che la città fu fondata direttamente da Krishna, una divinità primitiva. Autori antichi parlano della città di Dwarka, dicendo che conteneva un numero esorbitante di palazzi costruiti interamente in cristallo e decorati con smeraldi.
Da ciò che gli archeologi hanno scoperto si è affermato che la città era un porto ricchissimo e molto evoluto dal punto di vista artistico e architettonico. Ma perché la sua storia è terminata? Come ha fatto a finire in fondo alle acque?

Dwarka-Gulf-of-Cambay-India

Proprio come Atlantide, sembra che Dwarka sia stata sommersa da un violento tsunami. Il Mahabharata, poema indiano, racconta che “il mare improvvisamente ruppe i suoi confini naturali, irrompendo attraverso le belle strade della città”.
Tutta la città venne sommersa in pochi istanti e allora il mare divenne “placido come un lago”.
di Roberta Gerboni
Fonte:

Share:

Leave a reply