L’intensa siccità di quest’anno ha riportato alla luce …

128
0
Share:

L’intensa siccità di quest’anno ha riportato alla luce una ‘Stonehenge’ di 4.000 anni in Spagna

Ora, archeologi ed autorità discutono se non sia il caso di spostare l’antico monumento in un luogo dove non sarà di nuovo sommerso all’arrivo delle piogge.
Per decenni, un antico cerchio di pietre è rimasto nascosto sotto le acque del bacino idrico spagnolo di Valdecañas, e solo i suoi pilastri più alti occasionalmente emergevano in superficie come le dita di un nuotatore che sta annegando.
Ora, i mesi di intensa siccità che hanno colpito la Spagna hanno causato la caduta del acque del bacino, abbastanza da rivelare la struttura nella sua interezza. Data l’opportunità di rilanciare la ricerca sull’archeologia del circolo, ora si discute sull’opportunità di spostare le pietre o lasciare che l’inevitabile aumento del livello delle acque che avverrà durante l’inverno le riporti nell’oblio.
Le 150 pietre disposte in un ovale sono chiamate Dolmen di Guadalperal. Costruito durante l’età del rame o del bronzo sulle rive del fiume Tago, si pensa che abbia almeno 4000 anni.

L’intensa siccità di quest’anno ha riportato alla luce una ‘Stonehenge’ di 4.000 anni in Spagna

Perduto nel tempo, l’antico sito è stato riscoperto negli anni ’20 e ha suscitato l’interesse dell’antropologo tedesco Hugo Obermaier, che ne ha analizzò l’architettura e i tumuli di rocce circostanti.
I pilastri verticali – o ortostati – assomigliano ai megaliti di Stonehenge, per non parlare di un gruppo di altri costrutti simili in giro per l’Europa. E avrebbe potuto servire a scopi simili.
Nel corso delle generazioni sono state aggiunte lastre orizzontali, che formano una struttura meno simile a un osservatorio celeste e più simile a una tomba o un rifugio chiuso chiamato dolmen.
Se il sito ha mai nascosto reliquie, le solite maree di predatori di tombe, vandali e ladri le hanno strappate via da tempo.
Le indagini di Obermaier hanno scoperto una manciata di oggetti personali tra le pile di rocce, suggerendo che una volta avrebbe potuto essere un sito di sepoltura. Simboli come una forma umana e forse un serpente scolpito in una pietra orizzontale all’ingresso suggeriscono anche uno scopo sacro.
Secondo il presidente dell’Associazione culturale Roots of Peraleda, Angel Castaño, il Dolmen di Guadalperal era una specie di centro commerciale e culturale della zona.
Ma c’è stato poco tempo per studiare i misteri del sito e solo all’inizio del XX secolo. Nel giro di pochi decenni, infatti, il fiume fu trasformato in un bacino idrico dallo Stato spagnolo, inghiottendo non solo i dolmen ma una serie di altri siti storicamente significativi di vari periodi.
Negli anni ’60, l’antica struttura era quasi scomparsa dalla vista.
Quest’anno è stato difficile per gli agricoltori europei. Quest’anno la Spagna ha subito il terzo giugno più secco del secolo e la siccità ha lasciato il segno anche sul bacino idrico di Valdecañas.

(Landsat 8 – sinistra 24 luglio 2013; destra 25 luglio 2019)

Il riemergere non è solo uno spettacolo che la gente del posto e i turisti di passaggio possono apprezzare. Due istantanee prese dal satellite Landsat della NASA nel 2013 e all’inizio di quest’anno mostrano quanto siano stati gravi gli effetti della siccità.
confronto immagini nasa landsat
Ovviamente, gli archeologi, al contrario degli agricoltori, hanno festeggiato.
“Per tutta la vita, la gente mi aveva parlato del dolmen“, ha detto ad Alyssa McMurtry di Atlas Obscura l’archeologo Castaño. “Avevo visto parti di esso spuntare dall’acqua prima, ma questa è la prima volta che l’ho visto per intero. È spettacolare perché ora si può apprezzare l’intero complesso per la prima volta da decenni“.
Castaño sostiene che le pietre dovrebbero essere trasferite in un luogo sicuro, sia per ulteriori ricerche che per rafforzare la loro industria turistica locale.
Spostare monumenti minacciati dal progresso non è poi così insolito: i tentativi dell’Egitto di domare il Nilo hanno spinto a compiere sforzi impressionanti per salvare antichi templi e statue. C’è anche un petizione su Change.org per raccogliere fondi per spostare i dolmen fuori dalle acque dove potrebbero risorgere.
Ma non tutti gli archeologi sono d’accordo. L’antropologo Bueno Ramírez, dell’Università di Alcalá, è altrettanto entusiasta di poter studiare ed imparare il più possibile dal sito ma ritiene che spostare ora le pietre, in tutta fretta, rischierebbe di portare alla perdita dei preziosi reperti.
“Abbiamo bisogno di studi di alta qualità utilizzando le più recenti tecnologie archeologiche” ha dichiarato Ramírez ad Atlas Obscura. “Può costare soldi, ma abbiamo già una delle cose più difficili da ottenere: questo incredibile monumento storico. Alla fine, il denaro è la parte facile. Il passato non può essere acquistato“.
Di: Massimo Zito
Fonte:

Share:

Leave a reply