Il Pentagono ammette di indagare sugli UFO

53
0
Share:

Il Pentagono ammette di indagare sugli UFO

Il “Blue Book” degli anni settanta, cioè il file militare con le registrazioni degli avvistamenti UFO, esiste veramente. Si chiama Advanced Aerospace Threat Identification Program (AATIP), Programma Avanzato di Identificazione delle Minacce Aerospaziali ed è stato un programma avente la finalità l’indagine di tutti quei fenomeni aerospaziali che non avevano avuto una spiegazione immediata logica. Il programma è ufficialmente terminato nel 2012, ma , come ammette il portavoce del Dipartimento della Difesa, Christopher Sherwood , i fenomeni non identificati vengono ancora sottoposti ad un’indagine ufficiale. All’epoca il programma AATIP fu terminato perchè un deputato repubblicano ritenne i 22 milioni stanziati a copertura del programma e della relativa raccolta dati uno spreco di denaro pubblico.

Il Pentagono ammette di indagare sugli UFO

Anche se sembra banale l’ammissione del DoD è stata presa come una grandissima novità dagli esperti. Nick Pope, che fece indagini simili per l’aviazione britannica, ha confermato che il governo USA aveva sempre rifiutato di ammettere l’esistenza di programmi del genere.
In realtà è già stato confermato da fonti non ufficiali che gli F 18 della marina USA hanno avuto incontri con UAP (Unindentified Aerial Phenomenon, fenomeni aerei non identificati, il nome ufficiale degli UFO) a partire dal 2015, con anche riprese video piuttosto esplicite , il tutto ad una distanza relativamente breve dalla capitale USA.

(Nel video che vi mostriamo viene documentato uno degli incontri con un UAP, che come vedete è stato ripreso in modo anche abbastanza chiaro e per un periodo piuttosto prolungato Non è stato possibile identificare la natura di questi oggetti o la loro origine o intenzioni, quindi tutto questo rimane un mistero.)
Di: Guido da Landriano
Fonte:

Share:

Leave a reply