Perché l’astronomo di Harvard pensa …

129
0
Share:

Perché l’astronomo di Harvard pensa che gli alieni ci abbiano sicuramente fatto visita

L’ Astronomo Abraham Loeb

Oumuamua, avvistato per la prima volta nel 2017, è stato oggetto di molte speculazioni. Una delle principali teorie supportate dai ricercatori di Harvard afferma addirittura che si tratti di un’astronave aliena
Gli alieni ci hanno finalmente trovato? Il principale ricercatore di Harvard sembra crederlo fermamente. In un articolo pubblicato nel novembre scorso dai ricercatori dell’Harvard Smithsonian Center for Astrophysics, si delinea la possibilità che Oumuamua, l’oggetto rosso scuro dalla forma allungata e 10 volte più lungo di quanto sia largo, oltre a viaggiare alla velocità di 196.000 mph potrebbe avere una “origine artificiale”.
Il resto è storia dei nostri giorni visto che se ne parla già da un po’. Il documento è stato scritto da Shmuel Bialy e Abraham Loeb. Quest’ultimo è semplicemente il presidente del dipartimento di astronomia dell’Università di Harvard. E a sei mesi dalla pubblicazione del giornale, è convinto che Oumuamua sia una sonda aliena. In un articolo apparso su Scientific American, ha elencato sei strani fatti sull’oggetto.
Ma cos’è Oumuamua, davvero?
Ecco cosa ne sappiamo finora. Se si cerca Oumuamua di Google, la pagina ufficiale di Wikipedia dirà che è classificato nella categoria “cometa”, ma i ricercatori, incluso quello di Harvard, sostengono che forse sarebbe stata invece una sonda aliena.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Oumuamua”, che significa “un messaggero che raggiunge il lontano passato” in hawaiano, è il primo “oggetto interstellare” mai rilevato che passa attraverso il Sistema Solare. È stato ufficialmente designato 1I/2017 U1 ed è stato scoperto da Robert Weryk utilizzando il telescopio Pan-STARRS all’Osservatorio Haleakala, delle Hawaii, il 19 ottobre 2017, 40 giorni dopo essere passato dal punto più vicino al Sole.
Un ‘oggetto interstellare’ è una definizione ampia – è qualcosa di diverso da una stella o stella secondaria, che si trova nello spazio interstellare e non è vincolato dalla forza gravitazionale di una stella. Inoltre, classifica gli oggetti che si trovano sulla traiettoria interstellare ma passano temporaneamente vicino a una stella, come certi asteroidi e comete.
‘Oumuamua’, con un corpo a forma di sigaro fluttuante nello spazio, è stato il primo ‘oggetto interstellare’ ad essere stato individuato.
Perché Oumuamua potrebbe essere una sonda aliena?
Quando è stato scoperto ‘Oumuamua’, non ha mostrato segni come una coda di cometa nonostante il suo avvicinamento al Sole, ma da allora ha subito un’accelerazione non gravitazionale, potenzialmente coerente con una spinta dalla pressione della radiazione solare. Anche il sistema di origine di Oumuamua e il tempo trascorso a viaggiare tra le stelle sono sconosciuti. Quindi, le probabilità che Oumuamua sia una cometa sono molto scarse.
Se ‘Oumuamua’ non è una cometa, allora che altro potrebbe essere?
“Oumuamua potrebbe essere una sonda completamente operativa inviata intenzionalmente nelle vicinanze della Terra da una civiltà aliena“, hanno scritto i ricercatori nel documento, che è stato presentato all’Astrophysical Journal Letters.
La teoria si basa sull’accelerazione eccessiva dell’oggetto, o sul suo improvviso aumento di velocità mentre attraversava e alla fine usciva dal nostro sistema solare a gennaio di quest’anno. “Considerando un’origine artificiale, una possibilità è che Oumuamua sia una vela leggera, che galleggia nello spazio interstellare come detriti da un’avanzata attrezzatura tecnologica“, hanno scritto gli autori del documento, Abraham Loeb, professore e presidente dell’astronomia, e Shmuel Bialy, un studioso postdottorato, presso l’Harvard Smithsonian Center for Astrophysics.
Spia artigianale o spazzatura spaziale?
La loro teoria, tuttavia, è stata respinta da altri ricercatori, i quali affermano che basarsi semplicemente sul fatto che “potrebbe verosimilmente” essere stato un veicolo spaziale è una possibilità molto labile. Loeb, tuttavia, fa luce sulla critica dell’altro astrofisico.
Loeb sosteneva che ciò che è stato osservato dal comportamento di Oumuamua significa che non può essere, come si immagina comunemente, un pezzo di roccia a forma di sigaro lungo, ma piuttosto un oggetto molto lungo e non più di 1 millimetro di spessore, forse come un pancake di un chilometro – o una vela navale – così leggero e sottile che la luce del Sole sta spingendo fuori dal nostro sistema solare.
E mentre non sta affermando che si tratti decisamente di alieni, conferma che non può pensare a niente di diverso dagli alieni che si adatti ai dati.
Di:Federica Vitale
Fonte:

Share:

Leave a reply

Scelto Per Te: