Boriska Kipriyanovich, il ragazzo venuto da Marte …

54
0
Share:

Boriska Kipriyanovich, il ragazzo venuto da Marte fa previsioni sul futuro della Terra

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non è affatto semplice credergli, ma ogni volta che se ne parla si scoprono aspetti e dettagli che ci fanno riflettere. E porre qualche quesito
Per anni, gli scienziati hanno cercato di dimostrare l’esistenza della vita sui pianeti al di fuori della Terra. Con un universo così vasto, sarebbe praticamente inconcepibile che non ci sia vita altrove su pianeti lontani, in lontane galassie. Inoltre, potrebbe esserci stata anche una vita extraterrestre molto più vicina di quanto pensassimo.
Dopo la rivelazione dell’acqua su Marte, c’è una maggiore convinzione della possibilità che, in un punto o in un altro, il pianeta abbia sostenuto la propria vita. Tuttavia, stiamo ancora aspettando la prova ineluttabile.
Vita intelligente
D’altra parte, c’è chi sostiene non abbiamo bisogno di cercare oltre per provare la vita su Marte. Crede di sapere per certo che il pianeta rosso abbia sostenuto la vita nel suo passato. E questo perché racconta del posto in cui è nato. Ormai tutti conosciamo Boriska Kipriyanovich, un bambino – ora ha 21 anni – di Volgogra, in Russia, che per anni ha dichiarato di essere nato su Marte e poi rinato sulla Terra. E alcune persone ritengono che tutto ciò potrebbe essere vero.
Secondo i suoi genitori (terrestri), Boriska iniziò a parlare solo pochi mesi dopo la nascita (o in questo caso, la rinascita). E da quando ha iniziato a parlare, ha fatto affermazioni su Marte e sulle civiltà aliene, nonostante i suoi genitori non lo esponessero mai a questi argomenti. E cosa è successo a questa civiltà?
Andare sottoterra
Boriska dice di aver vissuto su Marte nella sua vita precedente ma, alla fine, tutta la vita su Marte fu distrutta a causa della guerra nucleare. Ha dichiarato: “Tutto bruciato. Solo alcuni di loro sono sopravvissuti“. I sopravvissuti si sono poi trasferiti sottoterra, motivo per cui gli scienziati non sono ancora stati in grado di individuarli.
Vita aliena
Allora, com’era Boriska da marziano? Racconta di essere stato alto un metro e ottantacinque, ma soprattutto i marziani non invecchiano. Questo permette loro di diventare immortali
Respirazione marziana
Ha anche detto che i marziani hanno la capacità di respirare l’anidride carbonica. Quindi, per aiutare l’ambiente terrestre, forse non è necessario piantare più alberi. È possibile che potremmo aver bisogno di avere un sacco di marziani in giro e di aspirare più CO2 possibile!
La connessione con l’Egitto
Inoltre, durante la sua vita su Marte, Boriska afferma di aver visitato l’Egitto mentre lavorava come pilota. E dice che il popolo di Marte aveva una forte connessione con l’antica civiltà. E quella connessione potrebbe entrare in gioco in futuro. Come?
La grande Sfinge
Boriska dice che i marziani e gli antichi egizi interagivano frequentemente. Ha anche menzionato un meccanismo speciale dietro l’orecchio della Grande Sfinge di Giza che gli permette di essere “aperta”. E una volta aperta, avrebbe in qualche modo sbloccato “i segreti dell’universo”. “La vita umana cambierà quando sarà aperta la Sfinge“, ha detto. “Ha un meccanismo di apertura da qualche parte dietro l’orecchio, non ricordo esattamente“. Ma quando si tratta di altri aspetti della vita da marziano antico, la sua memoria è cristallina.
Star del cinema
Boriska ha discusso tutto questo pubblicamente nel 2008 all’età di 11 anni. Era per un documentario su di lui chiamato Boriska: Indigo Boy From Mars. E, da allora, ha catturato l’attenzione degli scienziati e dei teorici della cospirazione. Il documentario è particolarmente degno di nota per il comportamento di Boriska quando viene intervistato. Sembra avere una risposta calma e concreta per ogni domanda che gli viene lanciata. Per lui, questa non è roba che sta inventando, ma sa essere al 100% vera.
Stazioni spaziali distrutte
Ad esempio, a un certo punto gli viene chiesto perché alla fine le stazioni spaziali della Terra vengano distrutte mentre si avvicinano al pianeta, come le stazioni spaziali sovietiche Phobos-1 e Phobos-2 nel 1988. “Le tue stazioni portano radiazioni nocive su Marte“, ha detto Boriska. “Così cercano di sbarazzarsi di loro”.
Alieni falsi
Una volta ha anche visto uno show televisivo che ritraeva marziani in un tipico modo sci-fi con corpi grigi e magri e si è molto arrabbiato. “Non sono marziani!“, esclamò, “Non siamo così, siamo più come i Lemuriani e gli Atlantidei. Eravamo grandi – alti circa sette metri, e queste creature sono piccolissime“. Nella sua mente, Boriska sa chiaramente di cosa sta parlando.
Fonte:

Share:

Leave a reply