“I Veri Alieni”, ISPRA per la lotta alle specie invasive

70
0
Share:

Arkage firma “I veri alieni”, campagna dell’ISPRA per la lotta alle specie invasive

L’iniziativa è stata sviluppata su più livelli – media, digital e social -, integrando attività di advertising e content marketing
Informare il pubblico sul concetto di “specie aliene invasive” e sui danni che esse possono arrecare all’ecosistema in termini di salute, territorio ed economia; guidare chi è più esposto al contatto con esse verso condotte responsabili e consapevoli, al fine di evitarne l’ingresso e la diffusione.
Questi i due grandi obiettivi della campagna di informazione e sensibilizzazione sulle specie aliene ideata, progettata e realizzata da Arkage, agenzia italiana di comunicazione post-digital, per ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).
La campagna è andata on air su più livelli – media, digital e social – nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2018, integrando attività di advertising e content marketing.
Un’azione particolarmente complessa per via delle molte articolazioni del fenomeno (oltre 3.000 specie aliene presenti in Italia – tra animali, piante e altri organismi – delle quali circa 400 causano diverse tipologie di danni in più aree territoriali e con vari target di riferimento) e delle differenti necessità comunicative: far conoscere il problema, le sue implicazioni sulla vita quotidiana e i comportamenti per arginarlo.
Per questo Arkage ha cercato di trasferire un messaggio immediatamente accessibile e facilmente notiziabile sin dalla scelta del naming di Campagna: “I veri alieni”.
La strategia ideata da Arkage per ISPRA
La strategia è stata quella di raccontare un’invasione aliena in pieno atto, giocando sulla suggestione fantascientifica per stimolare il pubblico e catturarne l’attenzione e dando vita a uno storytelling attivante, veicolato attraverso minisito e video di campagna, e un piano media a supporto che ha interessato social (Facebook e Twitter) e testate nazionali (radio e carta stampata).
La campagna è stata poi integrata con la realizzazione del Content Hub, iverialieni.it, che ha permesso di approfondire la tematica delle specie aliene invasive grazie alla presenza di contenuti divulgativi redatti da autori esperti del circuito Giunti Editore.
Cosa è stato realizzato
Per semplificare ulteriormente un tema complicato e multiforme, Arkage ha realizzato 2 video scegliendo di adottare un tono di voce leggero, ironico e nient’affatto istituzionale, sfruttando lo stile del citizen journalism. I video hanno avuto come soggetti “il calabrone asiatico” e “il gambero della Louisiana”.
Informare il pubblico sul concetto di “specie aliene invasive” e sui danni che esse possono arrecare all’ecosistema in termini di salute, territorio ed economia; guidare chi è più esposto al contatto con esse verso condotte responsabili e consapevoli, al fine di evitarne l’ingresso e la diffusione.
Questi i due grandi obiettivi della campagna di informazione e sensibilizzazione sulle specie aliene ideata, progettata e realizzata da Arkage, agenzia italiana di comunicazione post-digital, per ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).
La campagna è andata on air su più livelli – media, digital e social – nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2018, integrando attività di advertising e content marketing.
Un’azione particolarmente complessa per via delle molte articolazioni del fenomeno (oltre 3.000 specie aliene presenti in Italia – tra animali, piante e altri organismi – delle quali circa 400 causano diverse tipologie di danni in più aree territoriali e con vari target di riferimento) e delle differenti necessità comunicative: far conoscere il problema, le sue implicazioni sulla vita quotidiana e i comportamenti per arginarlo.
Per questo Arkage ha cercato di trasferire un messaggio immediatamente accessibile e facilmente notiziabile sin dalla scelta del naming di Campagna: “I veri alieni”.
La strategia ideata da Arkage per ISPRA
La strategia è stata quella di raccontare un’invasione aliena in pieno atto, giocando sulla suggestione fantascientifica per stimolare il pubblico e catturarne l’attenzione e dando vita a uno storytelling attivante, veicolato attraverso minisito e video di campagna, e un piano media a supporto che ha interessato social (Facebook e Twitter) e testate nazionali (radio e carta stampata).
La campagna è stata poi integrata con la realizzazione del Content Hub, iverialieni.it, che ha permesso di approfondire la tematica delle specie aliene invasive grazie alla presenza di contenuti divulgativi redatti da autori esperti del circuito Giunti Editore.
Cosa è stato realizzato
Per semplificare ulteriormente un tema complicato e multiforme, Arkage ha realizzato 2 video scegliendo di adottare un tono di voce leggero, ironico e nient’affatto istituzionale, sfruttando lo stile del citizen journalism. I video hanno avuto come soggetti “il calabrone asiatico” e “il gambero della Louisiana”.
I contenuti di campagna (video e articoli del content hub) sono stati diffusi su profili Facebook e Twitter realizzati ad hoc.
La campagna ha previsto poi la realizzazione di 3 spot radio con lo stesso tone of voice utilizzato nei video, on air sulle frequenze di Radio Italia. I 3 soggetti sono stati “la testuggine palustre americana”, “lo scoiattolo grigio” e “il gambero della Louisiana”.
Il piano media della campagna ha coinvolto anche la carta stampata; nel dettaglio sono state attivate le testate sportive Il Corriere dello Sport e Tuttosport e le testate del settore ittico Pesca In e Carp & CatFishing.
Per educare anche i più piccoli, è stata infine predisposta una Web App che consiste in un gioco a quiz in cui i bambini provano a riconoscere la specie aliena.
I risultati dell’azione di content marketing
A livello digital, la campagna “I veri alieni” ha raggiunto circa 2 milioni di utenti. La maggior parte di essi ha fra i 13 e i 34 anni. Sono gli uomini a essere stati esposti maggiormente ai contenuti (80% circa vs 20%).
L’interazione con i contenuti trasmessi sui social è stata decisamente positiva. I video prodotti hanno ottenuto quasi 3 milioni di visualizzazioni. Anche gli articoli hanno suscitato un notevole interesse, registrando quasi 100 mila click ai link.
L’argomento “specie aliene”, nel periodo settembre-novembre, ha raccolto sulle diverse fonti – Facebook, Twitter, YouTube, blog, siti di news e forum – ben 2.390 discussioni, generate per il 49% dalla campagna “I veri alieni”. Nonostante la campagna rappresenti solo la metà del traffico sul tema, è comunque la causa del 64% delle reazioni generate, con un engagement quindi piuttosto incisivo sulle persone coinvolte.
Tra i commenti generati, gran parte delle discussioni assegna all’uomo la responsabilità della cosiddetta “invasione” (41%); diverse persone esprimono invece il desiderio che non sia l’uomo o le istituzioni a risolvere il problema, ma che il compito venga lasciato alla natura.
di Teresa Nappi
FONTE:

Share:

Leave a reply